Cerchi spezzati di donne - Parte quinta

Circoli femminili interrotti: l'interruzione della sorellanza in tre opere del diciannovesimo secolo

L'autrice del seguente lavoro, Meagan Hanley, ha scritto questo post in più parti come sua tesi di laurea. Il suo obiettivo erano le opere letterarie di autori donne, una delle quali era Jane Austen. Abbiamo pensato che l'intero saggio fosse meraviglioso e quindi, con il suo permesso, abbiamo voluto condividerlo con te.
(Questa è la quinta parte del saggio. La quarta parte può essere trovata Qui, la terza parte può essere trovata Qui, la seconda parte può essere trovata Qui e la prima parte può essere trovata Qui.)

***

CONCLUSIONE

Le parole di Rossetti potrebbero facilmente servire come conclusione da sole. Racchiusa in sei brevi righe è la definizione centrale dell'importanza delle comunità femminili. La definizione di sorellanza di Rossetti può essere la base per le comunità di donne in Orgoglio e pregiudizio e Piccole donne. L'amicizia e la sorellanza sono essenziali per tutte le donne, secondo Austen, Alcott e Rossetti. In ognuna di queste opere le donne crescono, imparano e amano insieme. Indipendentemente dalla separazione dopo il matrimonio, se è possibile, queste donne si sforzano di tornare in comunità l'una con l'altra. Dopo il matrimonio, o qualsiasi separazione causata da uomini, c'è un vuoto che rimane vuoto. Jane ed Elizabeth sono fortunate Orgoglio e pregiudizio in quanto sono in grado di ricreare tra loro la propria comunità; e attraverso la loro buona influenza, sono in grado di portare un'altra sorella nella loro cerchia ristretta:
Kitty, a suo vantaggio materiale, trascorreva la maggior parte del suo tempo con le sue due sorelle maggiori. In una società così superiore a ciò che aveva generalmente conosciuto, il suo miglioramento era stato enorme. Non aveva un carattere così ingovernabile come Lydia; e, rimossa dall'influenza dell'esempio di Lydia, divenne, con un'attenzione e una gestione adeguate, meno irritabile, meno ignorante e meno insipida. (Austen)
La Austen, ovviamente, si rende conto che non tutte le sorelle desiderano la comunità, e in questo paragrafo conclusivo mostra che alcune hanno semplicemente bisogno di allontanarsi dall'influenza delle sorelle "cattive". Come è stato accennato in precedenza, essere una brava donna secondo Austen significa che si è prima di tutto una brava sorella. Dobosiewicz scrive anche che “un legame matrimoniale ideale in un romanzo di Austen è in realtà modellato sulla sorellanza. Così, il legame sororale femminile diventerebbe una pietra di paragone che determina il valore di una relazione ”(Dobosiewicz). Jane ed Elizabeth essenzialmente sposavano uomini che avevano valori simili a quelli che già rispettavano l'uno nell'altro, e in questo potevano mantenere una parvenza della loro sorellanza anche se il matrimonio li separava fisicamente l'uno dall'altro.
In Piccole donne, il matrimonio è più distruttivo per la comunità delle sorelle. Nel capitolo "Il primo matrimonio", quando Meg si sposa, Alcott scrive che "Madre e sorelle si sono avvicinate, come se non volessero rinunciare a Meg" (Alcott). Meg è in realtà la prima sorella persa anche prima della morte di Beth. Le sorelle March non tornano mai a un senso di vera comunità dopo i loro matrimoni, ma in "Mercato dei Goblin" l'amore reciproco di Laura e Lizzie è immutato anche dall'intrusione degli uomini.
Dopo che il matrimonio sconvolge la sorellanza, i cambiamenti sono permanenti. Sebbene le donne possano provare a tornare a una parvenza della loro precedente comunità, rimane per sempre alterata. Alcott offre uno sguardo perfetto nell'utopia della giovane sorellanza prima che gli uomini entrino in scena, anche se il lettore si intromette attraverso gli occhi di Laurie mentre diventa il primo maschio a entrare nella loro comunità, anche se ben accetto quando viene scoperto:
'Ecco un paesaggio!' Pensò Laurie, sbirciando tra i cespugli e già con un'aria ben sveglia e di buon carattere. Era un quadro piuttosto grazioso, perché le sorelle sedevano insieme in un angolo ombroso, con il sole e l'ombra che tremolavano su di loro, il vento aromatico che sollevava i capelli e raffreddava le loro guance calde, e tutte le piccole persone di legno che facevano le loro faccende come se questi non fossero estranei ma vecchi amici. Meg si sedette sul cuscino, cucendo con delicatezza con le sue mani bianche e apparendo fresca e dolce come una rosa nel suo vestito rosa in mezzo al verde. Beth stava smistando i coni che giacevano spessi sotto la cicuta lì vicino, perché ci faceva delle belle cose. Amy stava disegnando un gruppo di felci e Jo stava lavorando a maglia mentre leggeva ad alta voce. Un'ombra passò sul viso del ragazzo mentre li osservava, sentendo che doveva andarsene perché non invitato; eppure indugiava perché la casa sembrava molto solitaria e quella festa tranquilla nel bosco più attraente per il suo spirito irrequieto. Rimase così immobile che uno scoiattolo, impegnato con la sua raccolta, corse giù per un pino vicino a lui, lo vide improvvisamente e saltò indietro, rimproverando così acutamente che Beth guardò in alto, scorse la faccia malinconica dietro le betulle e fece un cenno con un sorriso rassicurante . (Alcott)
Quando Laurie quasi decide di andarsene, diventa ovvio che Alcott vedeva la sua presenza come un'intrusione, ma in qualche modo necessaria e inevitabile. È qui che vediamo ancora una volta un uomo desideroso di entrare nell'utopia femminile ma cambiandola irrevocabilmente con la sua presenza. Mentre tutte e tre le sorellanze vengono interrotte e cambiate, ritornano a un senso di forza e di comunità unico per le donne. Come mostrano le ultime righe di “Goblin Market”, le sorelle non si aiutano solo a vicenda quando una è debole; condividono la forza l'uno dell'altro. Anche quando uno è in piedi, gli altri danno il loro sostegno. Quando il diciannovesimo secolo cedette il passo ai movimenti suffragisti del ventesimo secolo, le definizioni dei luoghi per le donne iniziarono a cambiare; ma le donne che Austen, Alcott e Rossetti hanno creato in questi testi non stanno necessariamente lottando per rivendicare uno spazio nella sfera pubblica. Invece, stanno ridefinendo dov'è il posto di una donna e cosa può essere. Reclamano le comunità di donne come un tipo di forza in contrasto con quella della sfera pubblica patriarcale. La sorellanza del diciannovesimo secolo può essere vista come sicura e confortevole; ma al contrario, Elizabeth e Jane Bennet, le sorelle March, e Laura e Lizzie sono la prova che ogni comunità di donne è diversa e in costante cambiamento pur essendo tenute insieme da forti legami nonostante la rottura degli uomini.

*****

Circa l'autore
Meagan Hanley vive nell'Illinois, negli Stati Uniti, appena a est di St. Louis, nel Missouri, con il suo nuovo marito e una collezione di libri in continua crescita. Ha amato tutte le cose di Jane Austen sin dalla sua prima esperienza Orgoglio e pregiudizio a 14 anni, i suoi amici e la sua famiglia hanno imparato a convivere con la sua ossessione. Ha conseguito una laurea in Lingua e Letteratura Inglese presso la Greenville University e un M.A. in Letteratura presso la Southern Illinois University di Edwardsville. Meagan lavora come manager di ufficio e, quando non legge, la si può trovare a godersi la vita all'aria aperta con gli amici e andare in bicicletta con suo marito. Inoltre scrive sul blog di vita e letteraturahttps://meagangunn.wordpress.com.

Lascia un commento

Tutti i commenti sono moderati prima di essere pubblicati