Cerchi di donne spezzati - Parte prima

Circoli femminili interrotti: l'interruzione della sorellanza in tre opere del diciannovesimo secolo

L'autrice del seguente lavoro, Meagan Hanley, ha scritto questo post in più parti come sua tesi di laurea. Il suo obiettivo erano le opere letterarie di autori donne, una delle quali era Jane Austen. Abbiamo pensato che l'intero saggio fosse meraviglioso e quindi, con il suo permesso, abbiamo voluto condividerlo con te.

***

INTRODUZIONE

"È una verità universalmente riconosciuta, che un uomo solo in possesso di una buona fortuna, deve essere in mancanza di una moglie." Se gli uomini ricchi devono andare a caccia di mogli, allora le donne presumibilmente sono fortunate a ottenerle, trascorrendo il loro tempo a lottare e lottare per battere la concorrenza e diventare la moglie prescelta. Tuttavia, Jane Austen e altre autrici del diciannovesimo secolo come Louisa May Alcott e Christina Rossetti hanno visto la verità rappresentata nella società intorno a loro. Naturalmente, in superficie, la frenetica ricerca di mariti ricchi era la realtà; le donne venivano addestrate per diventare mogli. Poiché le donne avevano a loro disposizione opportunità così limitate, il matrimonio era l'opzione più praticabile per la sopravvivenza. Una connessione interessante trovata, tuttavia, nella letteratura scritta da donne all'epoca è il modo in cui le donne prosperano insieme nelle comunità l'una con l'altra, fino a quando gli uomini non entrano in scena. Molte donne sono estremamente infelici dopo il matrimonio e piangono la perdita della comunità che avevano condiviso con le loro sorelle. Una volta che gli uomini, o più comunemente, un uomo che è anche il futuro marito, interrompono queste comunità incentrate sulle donne, lo stretto legame tra le donne viene reciso.      
 
Tre opere letterarie che condividono questa somiglianza sono di Jane Austen Orgoglio e pregiudizio, "Goblin Market" di Christina Rossetti e Louisa May Alcott Piccole donne. Austen's Orgoglio e pregiudizio fu pubblicato nel 1813, all'inizio del diciannovesimo secolo, quando molte persone dovevano ancora mettere in discussione la relegazione sociale del "posto della donna" a casa. Verso la metà del XIX secolo, tuttavia, quando Rossetti pubblicò "Goblin Market" nel 1862 e Alcott pubblicò Piccole donne nel 1868, c'era già una precoce spinta per il suffragio femminile sia negli Stati Uniti che in Inghilterra. Questi tre autori si sono resi conto che le donne dovrebbero avere più opzioni del matrimonio, sebbene anche loro non fossero in grado di visualizzare esattamente quali potrebbero essere queste opzioni. Quello che desideravano era un modo per le donne di mantenere la sorellanza dopo il matrimonio invece di lasciarla completamente alle spalle e di avere un posto nella sfera pubblica. Potevano vedere questa opzione migliore, una sorellanza solidale: sicura, amorevole e ininterrotta. Come e perché le donne prosperavano insieme in queste tre comunità fittizie del diciannovesimo secolo? Come hanno comunicato? In quali spazi esistevano queste comunità? In che modo gli uomini hanno interrotto queste comunità ed è stato possibile per le donne ritrovare un simile livello di vicinanza l'una con l'altra dopo la rottura degli uomini (cioè il matrimonio)? Alcune risposte a queste domande diventeranno chiare man mano che questa tesi esamina i vari punti di vista e trattamenti che ogni autore ha portato alle comunità femminili, la loro importanza, formazione e le intrusioni degli uomini su di esse.
In ciascuna delle opere discusse, un personaggio femminile è particolarmente influenzato dalla distruzione maschile. Per Elizabeth Bennet in Orgoglio e pregiudizio, uno dei casi più evidenti di intrusione maschile si verifica quando il signor Collins le porta via la sua cara amica Charlotte. La perdita della loro amicizia e intimità colpisce profondamente Elizabeth. Jo marzo in Piccole donne quasi disprezza l'uomo che sposa sua sorella maggiore Meg e la allontana dall'amata comunità di sorelle, e dopo che Laura ha mangiato il frutto che le è stato offerto nella poesia "Goblin Market", si allontana dalla sorella Lizzie e si muove rapidamente verso la morte . Di conseguenza, anche Lizzie è profondamente colpita quando deve scoprire un modo per salvare la vita di sua sorella. Tutti questi personaggi navigano in un mondo che cambia drasticamente con l'ingresso degli uomini e, nel caso di entrambi i romanzi, i cambiamenti portati dal matrimonio.
I due romanzi usano il realismo per illustrare aspetti degli spazi, delle relazioni e delle lotte utopiche femminili, mentre alla fine del poema Lizzie e Laura vivono in una vera utopia femminile: un mondo privo di uomini e devoto alla sorellanza. Andare di pari passo con l'evento quasi inevitabile del matrimonio nella vita delle donne era il fatto che sarebbero state costrette a lasciare queste utopie femminili per i mondi abitati e controllati principalmente dagli uomini. In questi scritti di donne del diciannovesimo secolo, le donne perseguono costantemente uno spazio libero dalla presenza e dal potere travolgenti degli uomini. A causa dei trapianti causati dal matrimonio, queste donne cercano costantemente comunità di donne, nuove utopie e luoghi di rifugio con i loro modi di comunicare tra loro che sono spesso molto diversi dalle forme di comunicazione maschili dominanti. Queste comunità di donne sono state viste come alternative utopiche alle società patriarcali che le circondano. La parola "utopia" fu creata nel 1516 quando Sir Thomas More scrisse il romanzo con lo stesso nome. Lo prese dalla parola greca ou- topos per "da nessuna parte" o "nessun luogo", ma l'eu-topos estremamente simile significa anche un buon posto. È all'interno di quest'area intermedia che le donne esistono in queste opere letterarie: lo spazio tra il nulla e un buon posto. La parola "utopia" connota comunemente perfezione e unità, ma le utopie di queste donne non si adattano perfettamente a questa definizione. Le utopie che creano non sono riconosciute dalla società patriarcale e, per questo motivo, le utopie delle donne sono molto più vicine alla definizione originale di "da nessuna parte" di More. Dove gli uomini si riuniscono spesso in grandi gruppi chiassosi, le donne si riuniscono in piccoli spazi privati. Dal salotto alle lettere scritte, i luoghi e i modi in cui le donne comunicano differiscono drasticamente da quelli degli uomini.
Nella ricerca di uno spazio lontano dall'autorità degli uomini, le donne creano il proprio. Molti di questi spazi sono unici rispetto alle loro controparti dominate dagli uomini. Ad esempio, le donne in queste opere rivendicano la scrittura di lettere come uno spazio distintamente loro. Sebbene di solito non siano viste come uno "spazio" letterale, le lettere creano un luogo in cui le donne condividono i loro pensieri e sentimenti veri e nascosti tra loro, libere dagli occhi indiscreti dei loro mariti. Le lettere fungono da spazio privato per condividere dettagli intimi sulla vita, l'amore, la frustrazione e la solitudine, ma anche uno spazio per condividere notizie gioiose e incoraggiamento. La scrittura e il racconto di storie sono molto importanti nelle relazioni tra le donne, non solo attraverso le loro lettere, ma anche attraverso diari e storie ripetute intorno al caminetto, in salotto, in cucina e in altri luoghi che le donne fanno da soli. In Spazio, luogo e genere, Doreen Massey discute i ruoli importanti che gli spazi e i luoghi letterali e metaforici giocano nella vita delle donne, in particolare nel diciannovesimo secolo. Massey sostiene che i critici dovrebbero pensare "allo spazio sociale in termini di articolazione delle relazioni sociali che hanno necessariamente una forma spaziale nelle loro interazioni reciproche" (Massey). Poche righe dopo, elabora:
Pensare i luoghi in questo modo implica che non siano tanto aree delimitate quanto reti aperte e porose di relazioni sociali. . . Rafforza inoltre l'idea che quelle identità saranno molteplici (poiché i vari gruppi sociali in un luogo saranno localizzati diversamente in relazione alla complessità complessiva delle relazioni sociali e poiché la loro lettura di quelle relazioni e di ciò che ne fanno di esse sarà anche essere distinti). E questo a sua volta implica che quella che deve essere l'immagine dominante di qualsiasi luogo sarà oggetto di contestazione e cambierà nel tempo.
Le donne costruiscono la loro identità all'interno di spazi letterali e metaforici in queste tre opere, più comunemente la casa o la "sfera privata". Tuttavia, come spiega Massey, le donne stesse hanno anche definizioni diverse di identità rispetto a luoghi specifici. Le donne non definiscono la propria identità basandosi unicamente sugli spazi che abitano; piuttosto, i modi in cui scelgono di utilizzare determinati spazi conferiscono identità agli spazi stessi. In questo mutuo trasferimento di identità, quasi ogni spazio a disposizione delle donne può essere trasformato in un'utopia femminile, dando alle donne un tipo di potere tutto loro.
Massey scrive anche che "è necessario comprendere ... le relazioni di genere come significative nella strutturazione di spazio e luogo, spazi e luoghi" (Massey). Concentrandosi su come le donne influenzano gli spazi che abitano, diventa chiaro che li costruiscono in modo diverso dagli spazi maschili e specificamente per se stesse. Per Massey, "significa che la spazialità non può essere analizzata attraverso un corpo maschile e un'esperienza maschile eterosessuale, ma senza riconoscerle come caratteristiche importanti e altamente specifiche, e quindi generalizzata alle persone in generale" (Massey). Orgoglio e pregiudizio, Piccole donne, e “Goblin Market” sono nati tutti da rigide società patriarcali, ma i personaggi al loro interno cercano e scoprono modi per definire spazi e significati senza uomini. Ulteriori discussioni sulle definizioni di spazio e identità di personaggi specifici si troveranno in ogni capitolo. Quando si legge e si scrive sui rapporti tra le donne, può essere facile giungere al presupposto incompleto che tutte le donne cercano di essere unite insieme su un terreno comune; e sebbene ciò sia vero in un certo senso, ci sono più dimensioni nelle connessioni delle donne. Le donne nel diciannovesimo secolo erano molto spesso unite nella loro lotta per un luogo da chiamare proprio dove le loro voci potessero essere ascoltate, ma i loro metodi di creare spazi erano diversi quanto le loro personalità. Una critica, Helena Michie, ha coniato il proprio termine per descrivere un aspetto della comunicazione tra donne. Nel suo libro, Differenze di sororofobia tra le donne nella letteratura e nella cultura, sfa uso continuo della parola del titolo "sororofobia", che "tenta di descrivere la negoziazione di uguaglianza e differenza, identità e separazione, tra donne della stessa generazione, e intende comprendere sia il desiderio di che il contraccolpo dall'identificazione con altre donne "(Michie). È questo desiderio simultaneo e il ritiro dall'uguaglianza che dà origine a molti elementi della comunicazione delle donne. Nei tre lavori qui discussi, diventa chiaro che le donne sono diverse anche all'interno delle stesse famiglie, e spesso sono questi dialoghi tra sorelle e amici a guidare le trame quasi quanto i matrimoni imminenti e le interruzioni degli uomini.
Patricia Meyer Spacks scrive in L'immaginazione femminile quello "Orgoglio e pregiudizio è incentrato sul matrimonio. Nella società che descrive, il matrimonio misura il successo di una donna; le madri apprezzano se stesse per aver sposato le loro figlie; le ragazze si apprezzano e sono apprezzate per la loro capacità di attrarre e trattenere uomini idonei ”(Spacks). In "Goblin Market", c'è un tema di fondo definito delle ragazze che si preparano per il matrimonio. Con così tanta enfasi posta sul diventare "sposabile", non c'è da meravigliarsi che influenzi le comunità femminili. Tuttavia, come vedremo, il matrimonio non era l'unico obiettivo della vita delle donne. Anche nella fase dell '“attesa” dell'arrivo degli uomini, le donne - e soprattutto le sorelle - in queste opere letterarie creano per se stesse spazi alternativi, spesso utopici. Ogni opera discussa qui mostra differenze variabili nella comunicazione delle donne, il loro livello di vicinanza prima e dopo il matrimonio, i luoghi che potrebbero chiamare propri e il modo in cui vedevano i matrimoni imminenti e la probabile separazione l'uno dall'altro.
È stato affermato che le comunità di donne in entrambi i romanzi sono avvicinate più strettamente attraverso le difficoltà che derivano dalla "mancanza" di uomini nella loro vita. Nina Auerbach scrive in Comunità di donne che "in tutti i romanzi completati di Austen, le donne conducono un'esistenza purgatoria insieme ... le loro vite sono presentate attraverso l'evitamento di una presentazione dettagliata come un limbo informe, irreale" fino a quando gli uomini entrano in scena (Auerbach). Questa affermazione semplifica le complessità che le comunità femminili possono raggiungere. Mentre è vero in una certa misura che le donne in queste storie esistono in una cultura dell'attesa e della formazione fino a quando il matrimonio non diventa una possibilità - finché il matrimonio non pone fine alle comunità che hanno costruito insieme, le loro comunità non sono "purgatorie" come sostiene Auerbach. Piuttosto, queste comunità sono fragili e sempre a rischio di interruzioni o scioglimenti causati dal matrimonio. L'esempio più chiaro di questo può essere trovato nelle sorelle Bennet, che vivono in un nucleo familiare stretto fino all'arrivo in città degli uomini da sposare. Orgoglio e pregiudizio specificamente è stato etichettato come un romanzo matrimoniale. A prima vista, l'intera trama è portata avanti da matrimoni imminenti. La prima frase stessa sembra focalizzare i lettori sul fatto che tutti gli uomini single ricchi sono alla ricerca di mogli, ma c'è molto di più sotto la superficie. La lingua di Austen qui può anche essere letta con sarcasmo; gli uomini ricchi in realtà non hanno bisogno di mogli perché sono uomini ricchi, ma la loro cultura richiede il matrimonio. Tuttavia, anche se la trama porta ai matrimoni, la maggior parte del romanzo è incentrata sulle comunità femminili. I lettori vedono gli aspetti sociali dei balli e delle cene e delle conversazioni sussurrate tra donne, ma vediamo anche Elizabeth Bennett che evita strategicamente un matrimonio con il signor Collins. Per lei, il matrimonio è più che una semplice sicurezza e si rifiuta di accontentarsi di una vita con un uomo che la renderebbe infelice.
Cassandra Austen e Jane Austen in Becoming Jane
Austen, Alcott e Rossetti avevano entrambi rapporti significativi con le loro sorelle in un modo o nell'altro. La cosa più famosa è che il romanzo di Alcott è basato sulla sua infanzia con le sue sorelle e anche lo stretto rapporto di Austen con sua sorella Cassandra è stato ampiamente ipotizzato e discusso. Il tumultuoso rapporto di Rossetti con la sorella non è così noto ma influente lo stesso. Nel bene e nel male, queste relazioni fraterne hanno avuto un impatto duraturo su cosa e come hanno scritto questi tre autori. Un'altra significativa somiglianza condivisa tra i tre autori è che tutti hanno scelto di rimanere single. In un'epoca in cui quasi tutte le donne si sposavano per necessità, il fatto che queste tre non fossero sposate è significativo. È diventato sempre più comune evitare la biografia autoriale quando si scrive di letteratura, ma i forti parallelismi in questo caso creano uno spazio per l'inclusione e la giustificazione dei dettagli biografici. Sebbene l'analisi biografica non sarà molto presente in questo articolo, ogni autore aveva forti legami con almeno una sorella e rimase celibe - esperienze di vita comuni che sono troppo importanti per essere omesse. Tutti e tre gli autori sapevano una cosa in particolare che appare spesso nei loro scritti: le donne creano comunità quando sono insieme. Possono trasformare spazi improbabili in comunità femminili per rafforzarsi e sostenersi a vicenda. In queste opere letterarie, le eroine lottano con l'interruzione e la conseguente perdita di questi sistemi di supporto più spesso attraverso gli uomini e il matrimonio. I personaggi di cui parleremo e che faremo amicizia in queste pagine non odiano gli uomini, ma amano di più le loro sorelle. Le comunità che creano non sono in opposizione alle comunità maschili, ma sono essenziali affinché le donne funzionino e prosperino. perché sono i loro spiriti resilienti che riportano i lettori a Elizabeth Bennet e Jo March secoli dopo. La devozione di Lizzie a Laura nella sua sconfitta degli uomini goblin è magnetica: ci trascina nel poema e ci sfida a vedere oltre le parole sulla pagina. Le comunità femminili del diciannovesimo secolo sono effimere, ma anche le loro debolezze producono forza tra le donne, legandole strettamente insieme fino alla rottura del matrimonio e spesso continuano dopo il matrimonio. Queste comunità sono spazi in cui le donne definiscono e rivendicano identità, si sfidano e si sostengono a vicenda. Quando alle donne viene vietato di entrare nella sfera pubblica, creano per se stesse spazi migliori che non sono definiti dagli uomini, spazi che consentono la perseveranza e ricostruiscono la comunità. Per un primo sguardo a questo tipo di forza presente nelle comunità femminili, ci rivolgiamo a Jane Austen Orgoglio e pregiudizio.
Seconda parte, Orgoglio e pregiudizio: gli uomini entrano in scena, può essere letto qui.

*****

Circa l'autore
Meagan Hanley vive nell'Illinois, negli Stati Uniti, appena a est di St. Louis, nel Missouri, con il suo nuovo marito e una collezione di libri in continua crescita. Ha amato tutte le cose di Jane Austen sin dalla sua prima esperienza Orgoglio e pregiudizio a 14 anni, i suoi amici e la sua famiglia hanno imparato a convivere con la sua ossessione. Ha conseguito una laurea in Lingua e Letteratura Inglese presso la Greenville University e un M.A. in Letteratura presso la Southern Illinois University di Edwardsville. Meagan lavora come manager di ufficio e, quando non legge, la si può trovare a godersi la vita all'aria aperta con gli amici e andare in bicicletta con suo marito. Inoltre scrive sul blog di vita e letteraturahttps://meagangunn.wordpress.com.

1 commentare

[…] (This is part two of the essay. Part one can be found here.) […]

Women's Circles Broken - Part Two luglio 26, 2020

Lascia un commento

Tutti i commenti sono moderati prima di essere pubblicati