Da Prada a Nada

  Da Prada a Nada ha incassato 3,3 milioni di dollari al botteghino, sia all'estero che nazionale. Sono sorpreso di leggere che era così tanto. Mi è capitato di guardare il film su Netflix lo scorso fine settimana quando non avevo niente di meglio da fare che lavare i vestiti. L'idea di un remake di Jane Austen Senso e sensibilità e strappare Marianne ed Elinor Dashwood da Barton Cottage e farle atterrare nel 21st Century L.A. mi ha incuriosito, per il trasferimento di Emma Woodhouse dalla tranquilla Highbury alla scuola superiore di Beverly Hills Senza tracce è stato un clamoroso successo di critica e pubblico. Mi piaceva anche l'idea di cambiare cultura, perché non aveva il successo di Ang Lee, Mangia Bevi Uomo Donna, è stato trasformato con successo nel delizioso Tortilla Soup con la sua famiglia messicano-americana che sostituisce lo chef giapponese e le sue figlie? Ma sono subito giunto alla conclusione cheDa Prada a Nada è per Jane Austen ciò che un dipinto di velluto nero è per la Gioconda. Ecco allora la storia:
C'era una volta a Beverley Hills due ragazze molto carine in una casa chiamata Bonita Casita. Avevano un papà ma nessuna mamma.
Uno era basso e stravagante, amava fare shopping e indossava abiti da festa mattina, mezzogiorno e sera. Il suo nome era Mary Dominguez (MD = Marianne Dashwood).
Nora si è rivolta a Norange al funerale di papà.
L'altra era un'avvocatessa alta, pratica, intellettuale e aspirante di nome Nora (Elinor Dashwood). Sebbene esoticamente bella, soffriva di una fatale condizione di Hollywood chiamata pelle arancione. Questo spettatore sospetta che fosse per farla sembrare più un messicano cliché, ma dovrei davvero essere così cinico? Mary aveva questa condizione in misura minore ed entrambe le ragazze passavano dall'aspetto abbronzato a gravemente malate, a seconda delle condizioni di illuminazione.
Nessuna delle ragazze parlava spagnolo, un fatto che è stato menzionato spesso fino a quando non è stato colpito nel cervello degli spettatori. Mentre festeggia il suo compleanno con le figlie, papà cade a terra e muore, lasciando le due ragazze disorientate senza un soldo, perché tutto ciò che apparentemente possedeva apparteneva alle banche. Le ragazze devono trasferirsi dal loro ambiente accogliente nel 90210 a un quartiere di cattivo gusto nell'East L.A., che è come chiedere a una guardia di palazzo svizzera di lavorare in una prigione colombiana con breve preavviso. Prima di quell'indegnità, incontrano il loro fratellastro, Gabriel, una sorpresa dal passato del loro papà, che arriva al funerale con la sua amica avara, Olivia. Sembra che il fratello e il suo ragazzo vogliano ristrutturare la villa di papà e venderla a scopo di lucro. In altre parole, fratello gira le case per vivere. Classe reale.
Senza una madre vivente che li guidi, come aveva inteso Jane Austen, Maria e Nora non hanno altro posto dove andare se non a casa della loro zia di buon cuore fino in un quartiere pieno di barrios, gangstah e, ​​peggio, taco. Lì le ragazze incontrano Bruno (il colonnello Brandon), un bel latinoamericano che ovviamente non ha frequentato la Beverly Hills High.
È amichevole, ma Mary lo snobba, perché inizia a sospettare che lavori per guadagnarsi da vivere e che lei debba condividere una camera da letto con sua sorella. (Non che i due fatti abbiano qualcosa a che fare l'uno con l'altro, ma la mia frase non è più folle della trama del film.)
In rapida successione Da Prada a Nadalancia almeno un cliché al minuto allo spettatore, incluso un piccolo negozio di sudore nel soggiorno di zia, cattive ragazze nel quartiere e vestiti e interni che avrebbero potuto essere creati da Agador (il ragazzo gay cubano di Armand e Albert a The Birdcage). Come potrebbe questo film avere una possibilità con spettatori intelligenti quando i personaggi si chiamano Bad Guy # 1-3, Comrade, Fiesta guest e Chola (definizione del dizionario urbano: la ragazza di mio fratello rimane incinta)? Immagino che le persone che vivevano a East L.A. fossero inorridite nel vedere il bel racconto di Jane Austen stravolto e contorto al di là del riconoscimento.
Il film inciampa verso il suo inevitabile finale cliché. Edward Ferris si innamora immediatamente di Nora e le dà uno splendido lavoro nel suo studio legale. Si separano e poi si riuniscono senza motivo che io possa capire, tranne che lui gira sempre per casa con un camion pieno di oggetti grossi.
Mary cade perdutamente (invece di torcere i tacchi nella campagna inglese) per un tutor di nome Rodgrigo Fuentes, il sostituto di Willoughby. Alla fine visita il Messico, poi la lascia e acquista la villa orribilmente rinnovata di papà dal suo fratello flipper.
Il fratello Flipper si rivela un bravo ragazzo, così come Bruno, che sembra essere un artista di immenso talento che vive nel corpo di un meccanico. Per qualche ragione, dopo il suo incidente d'auto, Mary si ribella completamente per il sempre paziente e longanime Bruno, che è stato in grado di vedere oltre i suoi modi materialistici nel momento in cui l'ha incontrata.
Dopo aver finito di guardare questo film, mi sono reso conto che avrei dovuto rimanere nel seminterrato con la mia lavanderia e leggere un buon libro mentre aspettavo che la mia lavatrice e asciugatrice finissero di girare. I produttori di questo clunker hanno dimenticato una risorsa estremamente importante di cui nessun film che si rispetti può fare a meno: una sceneggiatura intelligente e ben scritta. Non tutte le buone intenzioni nel mondo di latinizzare Jane Austen, rendendola così più disponibile a coloro che altrimenti potrebbero essere spenti dai suoi personaggi inglesi, possono salvare un film così completamente privo di intrattenimento, originalità e arguzia.
Immagino che Lady Catherine de Bourgh avrebbe detto di questo film: “Non me ne vado. Non gli mando complimenti. Non merita tanta attenzione. Sono molto dispiaciuto. " Amen per questo.
 
Vic Sanborn supervisiona due blog: Jane Austen's World e Jane Austen oggi. Prima del 2006 adorava semplicemente Jane Austen e leggeva fedelmente Orgoglio e pregiudizio ogni anno. In questi giorni, è immersa nella lettura e nella scrittura della vita dell'autore e dell'era Regency. Co-fondatrice del suo gruppo di libri locale (e molto piccolo), Janeites on the James, ha iniziato i suoi blog come un modo per condividere le sue ricerche sull'era Regency per il suo romanzo, che si trova inedito su uno scaffale polveroso. Nella sua vita lavorativa, Vic fornisce risorse e sviluppo professionale per insegnanti e amministratori dei programmi di alfabetizzazione e istruzione per adulti della Virginia. Questo articolo è stato scritto per Jane Austen's World e viene utilizzato qui con il permesso.

Lascia un commento

Tutti i commenti sono moderati prima di essere pubblicati