Fanny Austen Knight (Knatchbull)

Sei inimitabile, irresistibile. Sei la gioia della mia vita. Lettere così, lettere così divertenti, come quelle che hai recentemente inviato! una tale descrizione del tuo strano cuoricino! una dimostrazione così bella di ciò che fa l'immaginazione. Vali il tuo peso in oro, o anche nella nuova moneta d'argento. Jane Austen a Fanny Knight il 20 febbraio 1816
Jane Austen aveva diciassette anni nel 1793 quando nacque sua nipote, Fanny Cahterine Knight. La figlia maggiore del fratello di Jane, Edward Austen (in seguito Knight), Jane adorava Fanny e la considerava "quasi un'altra sorella ... [io] non avrei potuto supporre che una nipote sarebbe stata così tanto per me. abbastanza secondo il proprio cuore ... "Edward (1767-1852) fu adottato all'inizio del 1780 da ricchi cugini senza figli degli Austens, Thomas e Catherine Knight. Fu inviato da loro nel "grand tour" dell'Europa continentale nel 1786-1788, e alla fine ereditò la loro tenuta di Godmersham, nel Kent, e prese il cognome di "Knight". Nel 1791 sposò Elizabeth Bridges. Due anni dopo la coppia ha accolto il loro primo figlio, Fanny. Sfortunatamente per la coppia felice, Elizabeth morì quando Fanny non aveva ancora sedici anni (poco dopo il suo undicesimo parto). Le zie di Fanny, Cassandra e Jane, che una volta erano state visitatori occasionali, ora hanno assunto un ruolo molto più coinvolto e materno nella vita dei loro nipoti. Cassandra, in particolare, trascorreva mesi alla volta nella tenuta di famiglia, Godmersham, occupandosi dei bisogni dei suoi giovani cari, mentre suo fratello piangeva la perdita della moglie. Per Jane, la situazione della giovane Fanny era particolarmente preoccupante, poiché considerava il suo nuovo ruolo nella famiglia:
La carissima Fanny deve ora considerare se stessa come la sua prima fonte di conforto, la sua più cara amica; come l'essere che gradualmente gli fornirà, per quanto possibile, ciò che ha perso. Questa considerazione la eleverà e la rallegrerà. Addio. Jane Austen a Cassandra il 15 ottobre 1808
Fanny era sempre stata particolarmente cara a Jane e diversi pezzi di Juvenilia di Jane Austen erano dedicati a lei nella sua infanzia. I due hanno condiviso una stretta amicizia durante la vita di Jane e molti dei lettere scritto tra i due sopravvive ancora oggi. Fanny sembra aver cercato da sua zia la saggezza e il consiglio che non poteva chiedere a sua madre, specialmente nel campo dell'amore e del corteggiamento. Alcune di queste lettere hanno più da dire sull'argomento di qualsiasi altro pezzo superstite della corrispondenza di Austen. È possibile che Jane abbia scritto con la saggezza di chi aveva amato e perso? Poco dopo la morte di sua moglie, Edward ereditò una casa e una proprietà a Chawton e poté offrire il cottage vicino a sua madre e alle sorelle. Questa stretta vicinanza alla famiglia che amavano così tanto deve dipendere solo dall'intimità dei due. Purtroppo, Jane non è mai vissuta abbastanza per vedere Fanny sposata con nessuno dei giovani di cui parlavano. Nel 1820, tre anni dopo la morte di sua zia, Fanny sposò Sir Edward Knatchbull, 9 ° baronetto, vedovo di diversi anni più grande di lei, con sei figli. Sembra che sia stato un matrimonio equo e Fanny ha prodotto altri nove figli per il Baronetto. Come Lady Knatchbull ha vissuto una vita lunga e piena, morendo nel 1882 all'età di 89 anni. Ciò che è forse più famosa (o famigerata!) Sono i suoi ricordi, più avanti nella vita, di sua zia Jane. I membri della famiglia stavano raccogliendo informazioni su Jane Austen per includerle in una biografia che sarebbe stata presto scritta. Fanny, scrivendo alla sorella Margaret, ha ricordato:
[Jane] non era così raffinata come avrebbe dovuto dal suo talento. . . Loro [gli Austen] non erano ricchi e le persone intorno alle quali si mescolavano principalmente, non erano tutte di alta razza, o in breve qualcosa di più che mediocre e ovviamente anche se superiori nei poteri mentali e nella coltivazione erano allo stesso livello per quanto come va la raffinatezza. . . Zia Jane era troppo intelligente per non mettere da parte tutti i possibili segni di "comunanza" (se un'espressione del genere è consentita) e insegnare a se stessa ad essere più raffinata. . . Entrambe le zie [Cassandra e Jane] sono state allevate nella più completa ignoranza del mondo e dei suoi modi (intendo per quanto riguarda la moda ecc.) E se non fosse stato per il matrimonio di papà che le ha portate nel Kent. . . sarebbero stati, sebbene non meno intelligenti e piacevoli in se stessi, molto al di sotto della media rispetto alla buona società e ai suoi modi.
Parole dure, anzi, addirittura ingrate, ed è facile capire perché i Janeiti in tutto il mondo stentano a perdonarla. Eppure, Vic, da Il mondo di Jane Austen, riassume bene: "Mentre Jane morì giovane, Fanny visse fino a una grande età. Sappiamo della famigerata lettera di Fanny su sua zia scritta alla sorella minore Marianne nel 1869, oltre 50 anni dopo la morte di Jane, che non mostrava la stessa grado di affetto esuberante come mostravano le lettere di Jane verso sua nipote. Ma le parole di Fanny furono scritte quando era una donna anziana che era influenzata dalla sensibilità vittoriana. In realtà, il rapporto tra Jane e sua nipote era sia amorevole che complesso, perché Fanny ha ricordato numerose occasioni le sue numerose passeggiate con la zia Jane e conversazioni molto interessanti e mattine deliziose. "*
Per ulteriori informazioni su Fanny Knight Knatchbull, leggi Almost Another Sister, di Margaret Wilson (1998) C'è un'eccellente recensione del libro dell'autrice Marilyn Sachs sulla rivista on-line Persuasions di JASNA, dal titolo La nipote ingrata di Austen.

1 commentare

Outraged “Janeites the world ’round” seem to be grossly misunderstanding Fanny’s letter for some reason. These words are not “harsh” or “ungrateful”, so far as I can tell. Aficionados of Jane Austen should certainly be in a position to understand that “refinement” in 19th-century British “society” parlance referred to a set of customs and behaviors particular to some social classes (but not others). One dictionary gives the general definition of “cultured elegance in behavior or manner”. Those who didn’t grow up with some particular style of such “cultured [i.e., artificial] elegance” naturally weren’t accustomed to acting in that so-called “refined” manner. If a close relative says that Jane Austen did not really grow up with this particular manner of “fashion &c”, but instead chose consciously to “teach herself” that style, how can anyone today contradict this observation without other evidence — much less be outraged at the supposed “insult”? Here is what the “infamous” letter from Fanny actually says about her aunt’s characteristics: talented; superior in mental powers and cultivation; clever; agreeable. If JA truly “would have been… below par as to good Society & its ways” without an effort to the contrary, that is no strike against her in my book; and I strongly suspect that JA herself might have heartily approved of her niece’s description! (Remember Jane’s own famous comment about “pictures of perfection”, for example.) Honesty is certainly not ingratitude, much less when it comes to something as arbitrary and (often) silly as societal fashions of “refinement.” Perhaps many of Austen’s fans have not actually read her very carefully?

shuvyah luglio 26, 2020

Lascia un commento

Tutti i commenti sono moderati prima di essere pubblicati