Signora Anne Lefroy

Anne Lefroy, conosciuta come Madam Lefroy, nacque nel 1749 dalla famiglia Brydges a Wootton Court, vicino a Canterbury. Quando George Austen fu nominato rettore a Deane da suo zio Francis, Francis vendette anche i suoi beni ad Ashe a un uomo ricco, Benjamin Langlois, in modo che dieci anni dopo, nel 1783, potesse anche ricompensare suo nipote, il reverendo Isaac Peter George Lefroy , dandogli la vita di Ashe. L'affascinante e colta Anne sposò il Reverand nel 1778 e vissero come Ashe, rendendoli i vicini più stretti degli Austen. Avevano quattro figli sopravvissuti; la maggiore Lucy e tre figli; John Henry George (che successe a suo padre ad Ashe), Christopher Edward e Benjamin Langlois (che in seguito sposò la figlia di James Austen, Jane). Anne era una poetessa appassionata e suo fratello, Egerton Brydges, pensava abbastanza bene al suo lavoro da far pubblicare due delle sue poesie prima del suo matrimonio. In Il registro poetico e Repository of Fugitive Poetry, ci sono due poesie di Miss Brydges *. Le poesie sono considerate spiritose e contengono temi adatti alla mente femminile come la pretesa maschile. Dimostrano che era a suo agio con se stessa e con i suoi sentimenti. Anne e Jane, nonostante la loro differenza di età, hanno stretto un'amicizia caratterizzata da intelligenza e rispetto. Questa amicizia è iniziata quando i Lefroy hanno invitato l'undicenne Jane a giocare con la loro figlia di 7 anni. A causa di un amore reciproco per la letteratura, Anne e Jane iniziarono lunghe discussioni letterarie su romanzi, poesie e opere teatrali. Si ritiene che Jane abbia condiviso i suoi scritti con Anne che ha agito come sua amica e mentore. Le fu dato il regno libero della loro biblioteca presso la canonica di Ashe. Questo deve aver agito come un'importante fonte di autoaffermazione per Jane, che era una bambina di scarsa fiducia e aveva bisogno di incoraggiamento e sostegno nei suoi primi anni. Anne era una donna di charme, intelligenza e mezzi e ben presto divenne la padrona di casa del quartiere. Ha aperto una scuola per i bambini poveri del quartiere circostante e ha insegnato loro a leggere; questo mostra la sua determinazione e forte volontà, tratti caratteriali che Jane avrebbe molto ammirato. Ha anche vaccinato personalmente centinaia di persone nella parrocchia di suo marito contro il vaiolo +. I Lefroy avevano una carrozza e Anne la prestava spesso a famiglie senza, come quella degli Austen. Questi atti di gentilezza l'hanno portata a essere chiamata "Signora" Lefroy da tutti coloro che la conoscevano. Anne era la zia di Tom Lefroy venuto a trovarli nel dicembre 1795 dopo essersi recentemente laureato al Trinity College di Dublino. Non è chiaro il ruolo che ha interpretato o la sua opinione sulla relazione d'amore che si sta formando tra Tom e Jane. Ha organizzato un ballo il venerdì sera (15 gennaio 1796) prima che Tom tornasse a Londra, ma non siamo sicuri di quello che è successo ad Ashe questa sera. Jane non ha ricevuto alcuna proposta, forse come si aspettava, o anche una sorta di assicurazione di un continuo attaccamento tra i due amanti. È stato ipotizzato che Madam Lefroy sia venuta a conoscenza della relazione che si stava formando tra suo nipote e Jane e lo abbia prontamente spedito a Londra prima che potesse essere fatto altro danno. Se questa era la situazione, si può mettere in dubbio il motivo per cui ha incoraggiato l'amicizia tra loro e ha organizzato questo ballo prima che lui partisse. Forse per qualche colpa o dovere nei confronti di Jane, Madam Lefroy è rimasta molto interessata alle sue prospettive matrimoniali. Nell'inverno del 1797 un reverand Samuel Blackall fu invitato a soggiornare ad Ashe e conobbe Jane. Anche dopo che se ne fu andato, le lettere confermano che Anne Lefroy riferì di eventi a Steventon, menzionando in particolare Jane. La sua risposta "Mi darebbe un piacere particolare avere l'opportunità di migliorare la mia conoscenza con quella famiglia, con la speranza di creare un interesse più vicino a me stesso. Ma al momento non posso assecondare alcuna aspettativa. "Non si sarebbe sviluppato nulla tra Jane e il Reverand e lei non seppe più nulla di lui. Anche se probabilmente non era arrabbiata per la sua successiva indifferenza, è sicuro che abbia intaccato il suo orgoglio come farebbe con qualsiasi donna. Anne morì prematuramente in un incidente a cavallo il 16 dicembre 1804, il 29 ° compleanno di Jane, quando aveva solo 55 anni. I pochi mesi successivi al tragico incidente di Anne devono essere stati un periodo molto difficile per Jane poiché suo padre morì un mese dopo, il 21 gennaio 1805. Jane era a metà della scrittura I Watsons che ha terminato; questo serve a rappresentare la devastazione che stava vivendo. Quattro anni dopo Jane ha scritto una poesia intitolata 'Alla memoria della signora Lefroy' che inizia con il riconoscimento che la sua amica è morta il giorno del suo compleanno. Esprime i suoi sentimenti e le sue opinioni sul personaggio di "Signora" Anne Lefroy. Ecco un estratto commovente:

“La vedo qui con tutti i suoi sorrisi benevoli, la sua voce di ardente amore, i suoi accenti dolci; Quella voce e quel volto quasi divini; Espressione, armonia, allo stesso modo completa. Ascolta: "non è un suono da solo," è un senso, "è genio, gusto e tenerezza dell'anima:" è il calore genuino del cuore senza pretese, e la purezza della mente che corona il tutto. "

Sebbene Anne Lefroy fosse chiaramente una moglie e una madre devote, è chiaro che era una donna molto interessante che aveva un senso di indipendenza nella sua mente e nello spirito. Madame Anne Lefroy è stato scritto da Rachel Kingston per il Diventare Jane Fansite. È adattato qui con il permesso dell'autore. Riferimenti: * Spence, J. 2003, Becoming Jane Austen, 2007, Second edn, Continuum International Publishing Group, London Shields, C. 2001. Jane Austen. Pubblicato da Weidenfeld e Nicolson. Collins, I. 1998. Jane Austen. La figlia di un parroco. Editore: The Hambledon Press + Ray, J.K. 2006. Jane Austen for Dummies. Pubblicato da Wiley Publishing Inc.

Lascia un commento

Tutti i commenti sono moderati prima di essere pubblicati