Autocontrollo e disciplina di Mary Brunton

Autocontrollo e disciplina di Mary Brunton

Se il nome di Mary Brunton ti suona bene, molto probabilmente stai pensando a questa citazione di Jane Austen:
Sto guardando oltre Autocontrollo di nuovo, e la mia opinione è confermata dal fatto che si tratta di un'Opera scritta in modo eccellente ed elegante, senza nulla di Natura o Probabilità in essa. Dichiaro di non sapere se il passaggio di Laura lungo l'American River non sia la cosa più naturale, possibile, quotidiana che faccia.
La presunta mancanza di 'Natura o Probabilità' ha da allora gettato una lunga ombra sul lavoro di Brunton: sembra infatti essere diventata l'opinione critica accettata, tanto che Brunton tende ad essere accusata di colpe che non aveva nemmeno. Prima di leggere Autocontrollo (1811) e Disciplina (1814), quindi pensavo che i romanzi fossero esagerati in un modo gotico selvaggiamente sentimentale. (Diversi testi accademici e opere di riferimento che ho visto da allora operano sotto la stessa illusione, il che mi fa chiedere se la maggior parte degli accademici legga davvero i libri di cui scrivono.) Avrei dovuto prestare maggiore attenzione ai titoli - chiunque avrebbe una pentola sentimentale un titolo così ostile come Autocontrollo? Ciò che ha reso il romanzo così irrealistico per i suoi contemporanei non è stato un ottovolante di una trama, ma la sua eroina, Laura Montreville, che la Critical Review ha soprannominato un "santo in sottovesti" il cui "orgoglio spirituale è insopportabile e il suo linguaggio nient'altro che cantilena evangelica". Brunton era una metodista impenitente e molti pensavano che i suoi romanzi fossero (nelle parole della Critical Review ancora) "discorsi metodistici". Non tutti erano d'accordo *, ma il "cant" religioso era tutt'altro che di moda all'epoca - come la stessa autrice riconosce quando i suoi sconsiderati personaggi minori usano la parola "metodico" come un insulto. L'accusa di esagerazione religiosa è giustificata, ancor di più nel caso di Disciplina - ma penso che guardare le opere come propaganda metodista renda loro altrettanto poca giustizia quanto giudicarle per un sentimentalismo esagerato. Ciò che rende Brunton interessante è il modo in cui usa i tropi sentimentali e gli eccitanti colpi di scena per i suoi fini morali, al punto da essere accusata di plagiare i suoi predecessori del XVIII secolo in Self-Control. Questo tipo di narrativa può essere pericoloso, come dimostrato da un personaggio minore: "Non avendo un carattere tutto suo, Julia è sempre stata, per quanto le era possibile, l'eroina che l'ultimo romanzo letto l'ha incline a impersonare" - indubbiamente ha un potere, non potrebbe questo potere essere imbrigliato per fare del bene? La trama di Mary Brunton Autocontrollo è abbastanza semplice, ma molto leggibile: Laura Montreville è una ragazza bella e di buona famiglia, ma povera, delle Highlands scozzesi. (È anche semplice e corretta come una stanza piena di suore carmelitane, ma penso che possiamo perdonarla mentre scherza lei stessa sulla sua `` formalità ''.) È perseguitata dal colonnello Hargrave, un attraente libertino le cui intenzioni sono bene; e non sapendo di meglio, la povera Laura si innamora. La offende con una proposta indecente, si rende conto del suo errore e le fa un'offerta di matrimonio - un'offerta piuttosto buona, tutto sommato, ma Laura rifiuta, citando incompatibilità morale e religiosa. Dichiara che lo sposerà alla fine dei due anni, se nel frattempo ha riformato le sue vie malvagie e contemplato la Bibbia. (Non realistico? Decidi tu.) Dice di sì, ma non ha intenzione di aspettare così a lungo - e Laura soffre di impoverimento, malattia e dipendenza umiliante, per tutto il tempo tormentata da Hargrave, che gradualmente si trasforma da un parassita schiacciante appassionato a uno stronzo insensibile , e infine a un vero e proprio cattivo. Nonostante la santità dell'eroina, Autocontrollo contiene una discreta quantità di realismo psicologico. (Ho detto psicologico, va bene? Il bizzarro finale che coinvolge canoe e cascate non conta. Ancora non so cosa pensasse Brunton quando pensava che fosse una buona idea... ah, beh. Niente spoiler!) Reagendo contro una lunga tradizione di romanzi sentimentali, Brunton toglie le illusioni romantiche di Laura, pur riconoscendo il loro potere; Laura non è ingannato dalla sua stupidità o dal suo fallimento morale, e in seguito trova abbastanza realisticamente difficile innamorarsi di Hargrave, anche quando si rende conto che non ne vale la pena. Brunton è anche abbastanza scaltro da rendersi conto che non convertirai nessuno se ti allontani da ogni illusione attraente e non lasci altro che rassegnazione e abnegazione al loro posto. Laura viene quindi premiata con un nuovo amante migliorato - e quando dico "migliorato", intendo "forse un po 'priggish, ma adorabile in un modo geek". Pmolto saggio, Disciplina è un animale completamente diverso: narrato come autobiografia spirituale dell'eroina, è una parte un romanzo di educazione (la ragazza viziata impara ad essere ... ehm, meno viziato), e due parti un Progresso pellegrino femminile, con solo un pizzico di romanticismo in cima. Ellen Percy è una giovane, bella ereditiera - esasperante egoista e scongevole, e a causa del suo orgoglio incline a maltrattare le persone più depredevole, vale a dire Miss Mortimer, l'amica metodista adeguatamente santa di sua madre deceduta, e Il signor Maitland, un metodista metodista altrettanto morale che si innamora di lei contro il suo giudizio migliore. (Ci deve essere qualcosa nell'acqua delle Highlands per contribuire alla rettitudine morale e agli alti principi religiosi, altrimenti gli scozzesi sono semplicemente una razza superiore). Dopo una frivolezza molto alla moda a Londra, amici infidi e una quasi seduzione, Ellen si ritrova improvvisamente senza amici e senza un soldo: suo padre è fallito e si è suicidato. La signorina Mortimer la prende sotto la sua ala; ma anche lei è povera e mortalmente malata, e non può aiutarla a lungo. Ellen ottiene quindi un lavoro come governante, ma nonostante i suoi migliori sforzi non è in grado di resistere alla spirale discendente in cui il suo orgoglio ed egoismo vengono brutalmente eliminati da lei. Entrambi questi romanzi di Mary Brunton sono studi dello stato d'animo veramente religioso, e spesso molto Disciplina si riferisce al movimento contro la schiavitù, alla controversia che infrange il sabato e al concetto di poveri meritevoli, per esempio, tutte questioni urgenti del risveglio religioso. Più interessante per un lettore moderno è l'intenso esame di coscienza che guida entrambi i romanzi: sia Laura che Ellen post-riforma mettono costantemente in discussione le proprie motivazioni, e sebbene la mia descrizione abbia senza dubbio reso i romanzi poco appetibili per molti, l'effetto complessivo non è di "Una guida per essere un buon cristiano e obbedire alle regole patriarcali", ma di "Come e quando fidarsi del proprio giudizio, anche se sei una donna debole e tutti gli altri ti dicono che hai torto". Stranamente (o no?), Fidandosi soprattutto della Provvidenza Laura ed Ellen imparano a fidarsi di se stesse, e si dimostrano davvero molto capaci. I romanzi potrebbero anche essere chiamati Self-Help. Il concetto di "auto-aiuto" può avere connotazioni meno piacevoli, ma la versione di Brunton differisce poco dall'idea di Wollstonecraft di una donna razionale e autosufficiente. Ellen è umiliata ma non degradata lavorando per vivere; Anche Laura lavora sodo ed è entusiasta di vendere alcuni suoi dipinti per sostenere il padre malato. Ellen inizia a migliorare la sua mente studiando chimica; Laura studia matematica. In un capitolo molto potente, Ellen sopravvive all'incarcerazione in un manicomio; e Laura ... beh, fa la cosa della canoa. Inoltre, Dio è descritto in termini materni, i principali consiglieri spirituali delle eroine sono donne, e il romanzo stesso si presenta come una forma di educazione particolarmente femminile - una forma che Austen avrebbe poi perfezionato; nonostante le sue osservazioni denigratorie, probabilmente fu più influenzata da Brunton di quanto avrebbe voluto ammettere. Verdetto finale: penso che valga la pena leggere entrambi i romanzi - c'è molto di più di quanto io possa scrivere in questo post - ma a meno che tu non abbia un interesse speciale per le prime idee femministe, o almeno un po 'di pazienza per il proselitismo cristiano, tu probabilmente sentirà (come lo scrittore della Critical Review) che stai "combattendo una disposizione alla nausea" e sei tentato di "gettare il libro nel fuoco". Quindi sii preparato. Disciplina ha una struttura più interessante, ma Autocontrollo funziona meglio come un romanzo divertente e può essere letto più facilmente come tale. La revisione mensile aveva questo da dire sull'autocontrollo:
Se l '"autocontrollo" di Laura sia perfettamente naturale è mera questione di opinione; e la decisione dipende, in gran parte, dalla disposizione del lettore: ma è colpa perdonabile se un personaggio, che si offre come modello, trascende quelli per la cui emulazione è inteso; e raccomanderemmo questo gradito romanzo a tutti i giovani, particolarmente a coloro che sono obbligati a convivere con persone di cattivo umore, poiché troveranno, nelle scene che riversa, alcune ammirevoli lezioni di allegra sopportazione.
Una buona ragione per leggere un romanzo, non credi? Il testo completo del lavoro della signora Mary Brunton è disponibile online su Labrocca.com: Autocontrollo, Disciplina, e Emmaline e le memorie. Una biografia più dettagliata può essere trovata presso il Biblioteca di Chawton House. Autocontrollo Rilegato: 506 pagine Editore: Sconosciuto (giugno 2008) ISBN-10: 0548942773 RRP: £35.95 Disciplina Paperback: 292 pagine Editore: Adamant Media Corporation (30 novembre 2005) ISBN-10: 1402174829 ISBN-13: 978-1402174827 RRP: £11.99 Emmaline Paperback: 324 pagine Editore: Sconosciuto (giugno 2008) ISBN-10: 143683449X ISBN-13: 978-1436834490 RRP: £19.95

Lascia un commento

Tutti i commenti sono moderati prima di essere pubblicati