Sfumature di latte e miele: il romanzo che Jane Austen avrebbe potuto scrivere, se avesse vissuto in un mondo magico.

Una recensione di John Ottinger. Il primo romanzo di Mary Robinette Kowal, Sfumature di latte e miele, è un omaggio a Jane Austen, ma con un tocco di fantasia. Kowal, vincitore nel 2008 del Campbell Award per il miglior nuovo scrittore e candidato a Hugo, racconta la storia attraverso gli occhi della povera Jane. Figlia di un gentiluomo di campagna, ha il naso lungo - non brutta, ma nemmeno molto attraente. Avere una bella sorella minore a cui è sempre paragonata non aiuta molto. La futura zitella ha poco da raccomandarla agli uomini idonei, salvo il suo talento per il glamour e l'alta intelligenza. Ma nell'Inghilterra georgiana, gli uomini preferiscono solo che una donna abbia un bell'aspetto durante gli eventi sociali e nessun talento o intelligenza probabilmente li conquisterà. Lo stato pietoso di Jane è solo esacerbato dal suo amore non corrisposto per il fidanzato di sua sorella. Quando sua sorella Melody trasferisce i suoi affetti a un furfante e mascalzone, la piccola e ordinata famiglia di campagna di Jane potrebbe essere distrutta dalla gelosia. Kowal entra davvero nella mentalità dell'inizio del diciannovesimo secolo. I suoi personaggi sono preoccupati, persino ossessionati, dallo status sociale. Lo stato di nubilato è un destino peggiore della morte per qualsiasi donna di quest'epoca, e la cattura di un buon marito è essenziale. Jane non ha prospettive, sebbene suo padre si fosse assicurato di fornire alle sue due figlie una dote significativa. Anche quell'attrazione non è sufficiente per attirare un compagno per Jane, e lei è stoicamente rassegnata al suo destino. Tali preoccupazioni potrebbero sembrare meschine ai lettori moderni, ma per l'aristocrazia inglese tra la fine del diciottesimo e l'inizio del diciannovesimo secolo, tali preoccupazioni consumavano ogni momento di veglia. Kowal cattura in modo eccellente l'immediatezza, la paura che gli individui di quell'età sentivano. Anche se intellettualmente e rimosse dalla storia è facile per il lettore ignorare le loro motivazioni, sono ricche e piene di profondità se circondate dalle parole di Kowal. Nel costruire la narrazione, Kowal ha preso in prestito pesantemente da Austen, e i lettori di lunga data del suo lavoro (o anche quelli che hanno visto solo le versioni della BBC) riconosceranno molte delle situazioni presentate. Gli innamorati che circondano Melody ricorderanno Senso e sensibilità, La madre nervosa di Jane, il suo atteggiamento e la società di piccole città a cui si ispira Orgoglio e pregiudizio e la storia d'amore in via di sviluppo di Jane è tratta Persuasione. Il lettore potrebbe pensare che questo renda Kowal nient'altro che un copista, ma la verità è che aggiunge il suo sapore alla storia, in modo tale che, sebbene ci siano ovvie somiglianze con Austen, Sfumature di latte e miele calpesta il proprio terreno. La storia è anche aiutata dall'attenzione ai dettagli di Kowal. Kowal scrive persino le parole nel modo in cui usa Austen. Ad esempio "spettacolo" si scrive "mostra" e sebbene sia uno scrittore americano, Kowal usa l'ortografia britannica di parole come "preferito", che diventa "preferito" o "glamour" che è scritto "glamour" dalla maggior parte del mondo di lingua inglese . Cattura la formalità della scrittura di Austen, ma in un modo che fa appello alla sensibilità del lettore moderno. L'impronta distintiva di Kowal e il luogo in cui la storia diverge da Austen è nel sistema magico. Chiamato glamour, la magia è di tipo illusorio, utilizzata principalmente per i rendering artistici e l'aggiunta di movimento o vivacità a dipinti o immagini per la musica. Il glamour è una forma d'arte, piuttosto che qualcosa usato per il potere, anche se una grande abilità può portare a uno status più elevato nella società. Persone diverse hanno diversi livelli di abilità, ma per le giovani donne è considerato essenziale per una donna a tutto tondo come suonare il piano o cucire. Non solo un appunto per rendere questa storia un romanzo fantasy piuttosto che storico, la magia del glamour è un espediente essenziale della trama. Kowal usa il glamour e l'abilità di Jane in esso per fornire sia conflitto che risoluzione alla storia. Fornisce inoltre a Kowal l'opportunità di parlare della natura dell'arte (ben collocata nel dialogo, non nell'esposizione) in un modo che aggiunge profondità al romanzo. Sfumature di latte e miele potrebbe facilmente adattarsi al canone di Austen, tranne ovviamente per l'inclusione della magia. Kowal ha catturato sia lo stile che il contenuto di un romanzo della Austen, aggiungendo il suo tocco di finzione speculativa e i lettori che hanno apprezzato romanzi come Jonathan Strange e il signor Norell troverà interessante anche questo romanzo. I lettori di romanzi d'epoca hanno un romanzo crossover nel genere della narrativa speculativa, e i lettori casuali (piuttosto che critici) di Austen hanno un libro che colpisce tutti i punti salienti del dialogo e della trama di Austen pur mantenendo la propria identità. Lettura altamente raccomandata per tutti e sospetto che raccoglierà nomination ai premi di diversi generi. RRP: £16.14 Rilegato: 304 pagine Editore: Tor Books; 1 edizione (3 agosto 2010) ISBN-10: 076532556X ISBN-13: 978-0765325563
Questa recensione di John Ottinger è apparsa originariamente su Afferrando il vento. È usato qui con il permesso. Mary Robinette Kowal ha ricevuto nel 2008 il Campbell Award per il miglior nuovo scrittore e una candidata a Hugo per la sua storia Evil Robot Monkey. I suoi racconti sono apparsi in Strange Horizons, Asimov's e diverse antologie Year's Best. Visitare www.maryrobinettekowal.com leggere il capitolo 1 di Shades of Milk and Honey

Lascia un commento

Tutti i commenti sono moderati prima di essere pubblicati