Il senso e la sensibilità diventano gotici

Sir Walter Scott ha confessato che, sebbene potesse scrivere romanzi d'azione e avventura "come tutti gli altri", gli mancava il genio di Jane Austen, "il tocco squisito, che rende interessanti le cose ordinarie e i personaggi comuni". I registi dovrebbero prenderne atto. L'infusione di un romanzo di Austen con testosterone non lo rende migliore, e il 2008 BBC Senso e sensibilità sembra dimostrare il punto. Il fatto per la TV Senso e sensibilità sviluppa la storia dei personaggi maschili e sottolinea l'edificio antagonismo tra il colonnello Brandon (David Morrissey) e John Willoughby (Dominic Cooper). Certo, Austen's Senso e sensibilità allude al triste destino di Eliza Williams e menziona un duello, presumibilmente con le pistole, ma Austen non si sofferma su nessuno dei due eventi, poiché non trasmettono la sua storia principale, la difficile situazione dei Dashwood. Tuttavia, Eliza (Caroline Hayes) e il duello hanno un ruolo di primo piano nel film di tre ore mentre il colonnello Brandon è al centro della scena. Così tanto rifocalizzarsi Sense and Sensibility’s i personaggi maschili richiedono l'invenzione di nuove scene e una grande quantità di dialoghi che Jane Austen non ha mai scritto, come la scena "una parola con te in privato, signor Willoughby" all'inizio del film, che identifica chiaramente Brandon come un colpito, Byronic eroe e Willoughby nei panni di un cattivo tinto nella lana. Ma perché regalare così tanto così presto? Willoughby di Jane Austen è un mercante di incantesimi, che allo stesso tempo inganna Marianne, gli altri personaggi e il lettore per la prima volta con i suoi modi vincenti. Siamo perplessi dal suo strano comportamento, scioccati nell'apprendere la sua doppiezza e sorpresi dalla sua confessione. In completo contrasto, il film Willoughby trasuda sullo schermo, scivola come Edmund Blackadder e poi esce lasciandosi dietro una scia di lumache. La chiara definizione tra Brandon e Willoughby riduce la trama a una normale gara tra il bene e il male con Eliza Williams e Marianne Dashwood come pedine da vincere o perdere dai maschi in lotta. Quando Willoughby snobba Marianne a Londra, le sorelle Dashwood svaniscono dallo schermo mentre la telecamera si sofferma sul bagliore ribollente di odio di Brandon. La scena è chiaramente quella di Brandon, ma, nel romanzo di Austen, Brandon non è nemmeno presente al ballo. Quando la faida Brandon / Willoughby finalmente si trasforma nel combattimento con la spada, sì, combattimento con la spada, sembra più come guardare il film di Russell Crowe Maestro e comandante di un adattamento di un romanzo di Austen. Ma in mezzo a tutta questa spavalderia e spavalderia maschile, non dobbiamo perdere le tracce di Edward Ferrars, che è diventato irriconoscibile dal libro di Edward di Austen. Edward di Austen è timido, socialmente goffo e "non bello". Inoltre, "i suoi modi richiedevano intimità per renderli piacevoli". Ma non c'è niente di tutto questo in Edward Ferrars di Dan Stevens. Dalla sua prima apparizione nella scena inventata di battere i tappeti, Edward è spiritoso, articolato, sicuro di sé e sfoggia un sorriso affascinante. La depressione e la "mancanza di spirito" di Edward nel romanzo sono sostituite dalla rabbia che scatena sul mucchio di legna dei Dashwood, sotto la pioggia. È un affare strano. Senza dubbio, i registi della BBC hanno sentito la pressione di adattare il romanzo di Austen sulla scia dell'enorme successo del 1995 di Emma Thompson Senso e sensibilità e ha cercato di creare qualcosa di diverso. Così, sembra un po 'strano che Elinor Dashwood (Hattie Morahan) sembri aver preso in prestito la voce di Emma Thompson, e Marianne Dashwood (Charity Wakefield) ha i capelli di Kate Winslet. Come nel film di Thompson, vediamo il corteggiamento di Elinor attraverso la conquista da parte di Edward di un'adorabile Margaret (in questo caso Lucy Boynton), e il colonnello Brandons in entrambi i film sembrano inclini a salvare le loro Marianne da tempeste torrenziali e trasportarle, nessuna delle quali si svolge nel romanzo di Austen. Bisogna provare simpatia per Morahan e Wakefield, seguendo le orme delle attrici vincitrici del BAFTA e dell'Oscar negli stessi ruoli. E le parti femminili sono cambiate molto poco, quindi a volte sembra che stiamo guardando il film di Thompson con stand-in. Tuttavia, entrambe le attrici si esibiscono in modo ammirevole. La prima metà del film non è ancora finita nel primo volume di Austen, un terzo della storia, il che probabilmente spiega perché la maggior parte degli altri personaggi di Austen sono stati tagliati all'osso. Janet McTeer è particolarmente comprensiva come la signora Dashwood. Lo spudorato John Dashwood (Mark Gatiss) e la sua spaventosa moglie Fanny (Claire Skinner) sono opportunamente odiosi, e il loro figlio goloso (Morgan Overton) è l'incarnazione perfetta dell'avidità insaziabile dei suoi genitori. Mrs. Jennings (Linda Bassett) è poco più di un dispositivo di trama, e anche Lucy Steele (Anna Madeley) è ridotta alla necessità. Sir John Middleton (Mark Williams), Lady Middleton (Rosanna Lavelle), Robert Ferrars (Leo Bill), Mr. Palmer (Tim McMullan) e la garrulous Charlotte (Tabitha Wady) hanno apparizioni cameo e pochissime righe. Jean Marsh è perfetto come l'odiosa signora Ferrars, e Daisy Haggard è stata una sorpresa inaspettata come la stregata Nancy Steele. Ahimè, il loro tempo sullo schermo è troppo breve, e quando i personaggi minori di Austen vanno, prendono il loro umorismo con loro. Lo scenario spazzato dal vento è drammatico e bello, anche se più Bronte Cime tempestose di Austen Senso e sensibilità, e la natura sembra essere un altro personaggio pericoloso. Nel romanzo, la malattia di Marianne è portata da camminare in erba alta e sedersi nelle sue scarpe bagnate e calze. Nel film, Marianne ha un desiderio di morte e si espone deliberatamente agli elementi in un campo aperto durante una tempesta di tuoni dove viene sferzata dalla pioggia, imbevuta della pelle e possibilmente colpita da un fulmine. Una seduzione, un salvataggio, una lotta con la spada, gelosia, tradimento, ossessione, odio, vendetta, è tutto un po 'sopra le righe, ma senza dubbio Abbazia di Northanger Catherine Morland si sarebbe divertito. Sheryl Craig è istruttore presso l'Università del Missouri centrale. Attualmente sta perseguendo un dottorato di ricerca presso l'Università del Kansas. Sense and Sensibility è disponibile in formato DVD dal nostro negozio di articoli da regalo online!