L'ultima edizione Oxford di Emma

Emma. Il libro dei libri. Un romanzo straordinario in cui quando una storia o un personaggio passa suggestivamente per la mente di Emma dal momento che si sbaglia per metà e lo vede parzialmente, siamo invitati a immaginarlo per intero, così un romanzo diventa potenzialmente molti. Come tutte le altre ultime Oxford, il testo qui è una ristampa del testo del 1971 edito da James Kinsley (fondamentalmente una ristampa modificata del testo di Chapman del 1923 come rivisto da Mary Lascelles). Come con Orgoglio e pregiudizio, non esiste un primo testo alternativo in quanto non esiste un manoscritto e Austen morì prima ancora che si potesse pensare a una seconda edizione. Come le ultime ristampe di Senso e sensibilità e Orgoglio e pregiudizio, otteniamo anche esattamente gli stessi materiali supplementari: breve nota biografica, bibliografia, cronologia e (a cura di Vivien Jones) appendici sul rango e lo stato sociale e sulla danza. Le note sono una ristampa delle note del 2003 scritte da Adele Pinch. L'introduzione di Adela Pinch all'ultima ristampa di Oxford del 2008 di Emma sottolinea quanto sia diverso Emma sembrava la maggior parte dei romanzi ai lettori dell'epoca; Pinch ci racconta quanto Edgeworth abbia detto di sentirsi annoiata in una lettera a un amico. Dato che è stata Austen a inviare una copia del suo libro a Edgeworth (probabilmente per orgoglio di un risultato), io, per esempio, preferisco presumere che questo commento non sia mai arrivato ad Austen. Non che la Austen stessa sia timida nel criticare duramente gli altri romanzieri o (almeno nelle sue lettere a sua sorella) per niente insicura dell'elevata e squisita qualità della sua arte. La sua risposta alla recensione di Scott è stata di lamentarsi che aveva omesso Mansfield Park. Pinch prosegue dicendo che la straordinaria recensione di Scott si concentra precisamente su ciò che, secondo lui, rendeva Emma così degna di nota da dover registrarlo lui stesso: il suo uso di eventi diurni tranquilli così sottostimati e straordinari da farci credere che il libro sia reale vite in corso intorno a noi. Pinch considera questo tipo di trama "rivoluzionario" e discute di come gli errori di Emma in mezzo a esperienze quotidiane come lo shopping e il pettegolezzo, inducano i lettori a chiedersi come sanno quello che sanno. L'introduzione di Fiona Stafford al (2003) New Penguin, assume la stessa posizione e utilizza lo stesso testo: anche qui iniziamo con la recensione di Scott; la differenza è che Stafford continua a suggerire che questo realismo è un'illusione creata da Austen e continuamente sminuita dal suo uso di giochi di parole, allusioni, giochi, nomi in codice e parodia. È comune per le persone che scrivono Emma per cominciare prendendolo come un risultato straordinario e come un libro in qualche modo più rappresentativo dell'arte di Austen di qualsiasi altro suo. Ed è ora d'obbligo (come fanno Pinch e Stafford) individuare il discorso indiretto libero anche come invenzione di Austen, quando in realtà può essere trovato (sebbene fatto grossolanamente) in molti romanzi precedenti. Tuttavia, non è vero che il discorso indiretto libero e il probabile realismo diurno tranquillo fossero nuovi o unici Emma: proprio questo stato d'animo e le versioni di questo tipo di discorso si possono trovare nei romanzi di Charlotte Lennox, Sarah Fielding, Mary Brunton (Austen si è lamentata di uno dei suoi libri forse perché in un altro così simile Emma se non fosse per la sua data, sarebbe chiamata fonte, Disciplina), e tra gli scrittori francesi che Austen ha letto, Isabelle de Charriere, Stephanie-Felicite de Genlis, Adelaide de Souza e Isabelle de Montolieu usano il discorso indiretto libero e il tranquillo realismo diurno. Inoltre, ciò di cui Scott è veramente stupito è la capacità di Austen di evocare in modo eccitato, vivace e originale un personaggio ordinario complessivamente credibile, non un fanatico, non grottesco, non in modo psicologico estremo; questo è ciò che sente al di là di lui. L'importante innovazione di Emma costituisce il fulcro di un testo critico centrale del nostro tempo: quello di Wayne Booth Retorica della finzione dove è profondamente turbato da una tecnica o da un elemento che secondo lui distingue i romanzi moderni o del XX secolo da quasi tutti i primi: un narratore inaffidabile la cui moralità è spaventosamente cattiva o perniciosa. In Emma Austen ha fatto qualcosa di così innovativo e controllato che non è stato imitato con una consistenza artistica simile fino a quando Gustave Flaubert Emma Bovary. (Non è un caso che Flaubert abbia chiamato la sua eroina errante, Emma.). Al centro del romanzo di Austen c'è un narratore inaffidabile verso il quale il suo autore implicito assume una posizione ironica o distante. Questo al fine di presentarci un'eroina egocentrica egoista, goffa e sorprendentemente cieca, prepotente, molto ricca e snob, e talvolta maliziosa. Perché l'ho definito sconcertante? Ebbene Austen come autrice implicita dà a Emma qualità che le piacciono, anzi si identifica: come un tutto composito, Austen vuole che riconosciamo Emma come parte di noi stessi. A volte Emma è tutta gentilezza, specialmente verso suo padre. Come hanno scritto numerosi critici, è difficile sapere come dobbiamo giudicare un particolare carattere, incidente o espressione quando l'innovazione (stratagemma, trucco) consiste nel rendere l'eroina, il suo "riflettore centrale" (per usare il termine di Henry James) il nostro narratore inaffidabile e unico tranne che per due capitoli in cui il discorso indiretto libero è usato per fare di Mr Knightley il nostro riflettore (I: 5 & 3: 5); narrazioni occasionali attentamente discrete e interiezioni da parte del nostro autore implicito quando è necessario per noi conoscere qualche pezzo di storia o punto di vista saremmo in pericolo di incomprensione se ci venisse dato da Emma (ad esempio, la maggior parte di 1: 2, 2: 2, la prima frase di 2: 4) e personaggi ostinati o apparentemente ottusi che agiranno o diranno la loro indipendentemente dai desideri di Emma (ad esempio, Mr Weston e Mrs Elton dal 2 ° al 28 ° paragrafo di 3: 6) Ora Booth vede lo sviluppo dopo Austen come pericoloso poiché il lettore è indotto a identificarsi e simpatizzare con tali coscienze centrali e l'amoralità viene rafforzata e resa accettabile. Egli suggerisce che c'erano stati narratori inaffidabili prima, ma il primo, quello di Austen, è in un libro che discrimina attentamente tra ciò che è giusto e ciò che è sbagliato avendo un autore implicito abbastanza attento e attivo e un'eroina che è fondamentalmente una brava persona anche se imperfetta. , uno di cui dobbiamo rallegrarci. A me stesso posso pensare a dozzine di romanzi in cui proprio questa combinazione di drammatica ironia, mistero e alternanza di simpatia e alienazione è la tecnica dominante, e la maggior parte di loro quelli di donne hanno narratori che siamo ambivalenti di. Il problema con l'analisi di Booth è quanto sia sicuro che tutti i lettori ammirino e gioiscano per Emma stessa. A volte sembra dimenticare la famosa dichiarazione di Austen quando ha iniziato a scrivere il libro: "Prenderò un'eroina che nessuno, tranne me, piacerà molto". Mentre su Internet tra i lettori comuni di Austen, le guerre di Fanny e non di Emma sono diventate famose, non ci vuole molto prima di imbattersi in forti dissidenti dalla compiacente gioia di Booth per Emma, ​​perché il suo è il punto di vista di un padre del suo meraviglioso amore finalmente figlia sottomessa (un po 'come Mr Knightley che anche lui ammira moltissimo), e quindi interpretazioni molto diverse del romanzo. Di coloro a cui non piace Emma e che trova rigorosamente difetti e difetti nel libro o è sincero nel chiedere come dobbiamo fare una scena che sembra chiederci di accettare un atteggiamento sociale odioso o ormai obsoleto, io chiamo Mark Schorer, Margaret Drabble, Arnold Kettle e, più recentemente, Avrom Fleishman. Il saggio di Fleishman è il più intrigante poiché, come Austen, usa un tono ironico: presenta questa strana giovane donna senza dirci come si chiama (tranne perché è nel libro di Todd sotto Emma, ​​dobbiamo indovinare). L'eroina di Austen emerge come una donna nevrotica sessualmente frustrata legata a un tiranno debole (inconscio) imbecille. Questa interpretazione esagerata ma persuasiva (devi leggere il saggio) rimane con una a causa dell'uso dell'ironia, e almeno mi sono chiesto se questa psicoanalisi sia più accurata di quanto ci piace ammettere. Il punto di vista di Fleishman è coerente con l'approccio più tradizionale di Schorer che vede la frustrazione e la paura sessuale in Emma e che anche assomiglia a Booth perché alla fine sente che Emma è giustamente ricompensata con Mr Knightley e appagamento da adulto qualificato dopo che è stata umiliata. Quella di Schorer è un'interpretazione mascolinista punitiva. Da parte mia, trovo il sincero dissenso e il disagio di Margaret Drabble nei confronti di Emma e i suoi enigmi su dove sia Austen in questo libro e cosa si aspetta che noi pensiamo e sentiamo tra tutta questa ironia il saggio più illuminante su di esso stampato convenzionale. Di gran lunga superiore a Pinch o Stafford. Quest'ultima Oxford Emma differisce in un certo senso dalle tre ultime Oxford che ho recensito: come le altre, otteniamo un dettaglio di una foto di una giovane donna attraente così angolata che l'immagine diventa un primo piano; tuttavia, questa volta la scelta (come nel 2003) è Portrait of Mrs White (nata Watford) di George Dawe, Full Length in a White Silk Dress (1809) e l'angolazione della telecamera in questo modo rende il seno della donna prominente e (per così dire) in faccia allo spettatore. Quindi il volume partecipa alla moda recente per l'esposizione del seno a romanzi classici o di alto rango (e loro sequel), una pornificazione che si accorda con questa moda decennale, anche se l'uso di vecchie immagini preclude anche la presentazione di una modella sexy anoressica. Più appropriate al libro sommesso di Austen sono le immagini della vita sociale ordinaria che forniscono le copertine dei libri che forniscono apparati completi, ad esempio, le due edizioni Norton finora (di un'assemblea del 1817-18 a Clifton) o la scelta per la Longman Emma (ed. Frances Ferguson) di un'immagine contemporanea di Apley Priory, un palazzo del 1811 che includeva elementi medievali che lo facevano assomigliare a un'abbazia. Contrastare l'insistenza sui personaggi e sul luogo realistici e credibili, è una tradizione altrettanto forte in cui è dimostrato quanto idilliaco, piacevole, isolato, stretto e protetto sia il mondo di cui la nostra eroina è consapevole e in cui vive completamente. Più appropriato di un'enorme villa romantica ed elegante. o squisitezza pittoresco sarebbe l'immagine di un tranquillo villaggio di campagna, qualcosa che anticipa quella di Elizabeth Gaskell Cranford. Sono uno di quelli a disagio con Austen Emma. Non vedo cosa ha fatto Emma per meritare l'apparentemente lieto fine con cui è stata premiata. Può darsi che Austen stia solo mostrando come una donna simile, così bella, intelligente, ricca, ora con due case confortevoli e una disposizione compiacente vivrà con facilità. Se è così, vorrei che non avesse speso così tanti capitoli finali in dettaglio l'elemento di realizzazione del desiderio e non posso credere che Jane Fairfax possa perdonare così rapidamente, a meno che non vedremo ancora una volta lo status al lavoro e la riserva di Jane ancora funzionante per proteggerla. Questo sembra un tratto in quella scena del "sentirsi bene" tra loro nel corridoio dell'alloggio della signorina Bates. Ciò che si può dire, come scrive Margaret Drabble, è che "la società ha trionfato" e mi sentirei più a mio agio se l'ironia rivolta alla felice comunità finale fosse ficcata da qualcuno che non fosse la signora Elton. Puoi acquistare Emma in varie edizioni presso la nostra libreria Jane Austen. Clic Qui. Prezzo: £4.99 Paperback: 448 pagine Editore: OUP Oxford; New Ed. / edizione (17 aprile 2008) ISBN-10: 0199535523 ISBN-13: 978-0199535521
Ellen Moody, docente di inglese alla George Mason University, ha compilato i calendari più accurati per il lavoro di Jane Austen, fino ad oggi. Ha creato linee temporali per ciascuno dei sei romanzi e per i tre frammenti di romanzo incompiuti. Attualmente sta lavorando a un libro, The Austen Movies. Visita lei sito web per ulteriori articoli relativi ad Austen.

Lascia un commento

Tutti i commenti sono moderati prima di essere pubblicati