La colonna sonora di Orgoglio e pregiudizio

La colonna sonora di Orgoglio e pregiudizio

A cura di Dario Marianelli Prima che iniziassero le riprese di Joe Wright Orgoglio e pregiudizio, conosceva il tipo di colonna sonora che voleva - e sapeva chi voleva scriverla: Dario Marianelli, meglio conosciuto per le sue colonne sonore per I fratelli Grimm e Catturo il castello. Wright voleva musica che suonasse appropriata per il periodo, qualcosa che la stessa Jane Austen avrebbe potuto ascoltare o suonare; musica che sembrerebbe non essere scritta per il film, ma presa dalla vita. Poiché il film è ambientato nel 1797, lo stesso anno in cui Jane Austen scrisse la prima bozza Orgoglio e pregiudizio, Marianelli trovò ispirazione non solo nei compositori dell'epoca, ma anche nei balli, nei brani da camera e nelle Sonate per pianoforte di Beethoven. A volte ossessionante e solitario, altre volte melodioso e civettuolo, la sua musica è l'accompagnamento perfetto delle "due o tre famiglie in un villaggio di campagna" di Jane. In linea con questa sensazione, Marianell non usa mai più di tre o quattro strumenti alla volta, eseguiti dal pianista francese Jean-Yves Thibaudet e dalla English Chamber Orchestra. Spesso siamo trattati con assoli di piano, che diventano la voce di Elizabeth Bennet nel suo viaggio verso la scoperta di sé. Come nella versione del 1995 di Nick Dear Persuasione, Joe Wright ha scelto di mostrarci meno della "luce, brillante e scintillante" e più dello sporco della vita. I maiali vagano nei giardini e le persone dimenticano di pettinarsi. Ci viene fornito un ritratto più accurato della vera vita georgiana, piuttosto che l'immagine brillante che ci piace immaginare. Eppure, forse questo si aggiunge al realismo del pezzo, come se, in qualche modo, questi personaggi potessero essere persone reali, il loro dolore e trionfi profondamente sentiti come il tuo o il mio. E le somiglianze non finiscono qui. I compositori di entrambi i film hanno trovato il modo di incorporare brani d'epoca nella loro musica, sottolineando il loro senso storico. Come Jeremy Sams ha fatto con le sonate per pianoforte di Chopin, così Marianelli mescola pezzi di Purcell e musica milizia nella sua partitura. Tuttavia, lo fa con tanta grazia e destrezza, è difficile scoprire dove questa musica esce e la sua musica riprende. Anche se il tema principale ci ricorda spesso quello diMansfield Park o Signora Dalloway, alla fine Orgoglio e pregiudizio ha un suono tutto suo. Attraverso le 17 tracce fornite, ci viene fornito un riassunto della storia dal punto di vista di Elizabeth. Possiamo sentire l'eccitazione del Milizia in marcia verso Meryton, il dolore e il piacere di Un'altra danza, la parentela con cui Elisabetta trova Georgiana quando la scopre al pianoforte, la tensione Lettera di Darcy porta, e alla fine, la gioia di Elisabetta mentre si diverte ad essere Signora Darcy. Le tracce includono:
  1. Dawn
  2. Stelle E Farfalle
  3. Le sculture viventi di Pemberly
  4. Meryton Townhall
  5. La milizia entra
  6. Georgiana
  7. Arrivo a Netherfield
  8. Una cartolina a Henry Purcell
  9. Liz in cima al mondo
  10. Lasciando Netherfield
  11. Un'altra danza
  12. La vita segreta dei sogni ad occhi aperti
  13. Lettera di Darcy
  14. Non posso rallentare
  15. Le tue mani sono fredde
  16. Signora Darcy
  17. Crediti

Formato: CD audio Numero di dischi: 1 Etichetta: Ucj / Decca Prezzo di listino: £12.75 /$18.98 Questo titolo può essere trovato nel nostro negozio di regali online facendo clic su questo collegamento. Laura Boyle è una fan di tutto ciò che riguarda Austen ed è felice di avere la possibilità di recensire questo CD. Gestisce anche Austentation: Regency Accessories, creando cappelli, cuffie, reticoli e altro su misura per i clienti di tutto il mondo. Un ringraziamento speciale a Ron Aylor per il suo aiuto nello scoprire il nome della marcia della milizia suonata in questo CD (The Militia Marches In) Il signor Aylor ospita il Sito British Regimental Drums and Colors. Il nome del brano è The British Grenadiers. I Grenadier Guards erano il reggimento della famiglia reale e parteciparono a molte battaglie storiche. Questa è la loro marcia del reggimento. Una delle marce del reggimento più riconoscibili, apparve per la prima volta in stampa nel 1775, sebbene fosse basata su "The New Bath", un pezzo trovato in uno dei libri di danza di Playford del 1600.