Hannah Snell: la famosa "donna in abiti da uomo"

Hannah Snell: la famosa "donna in abiti da uomo"

Nella sua annotazione di diario del 21 maggio 1778, Parson Woodforde (Diario di un parroco di campagna) nota un viaggio che ha fatto a Weston per vedere una "Famous Woman in Men's Cloaths":

Woodforde

Questa curiosità non era altro che Hannah Snell, oggetto di La soldatessa; o The Surprising Life and Adventures of Hannah Snell, 1750. Nata a Worcester, in Inghilterra, il 23 aprile 1723, la gente del posto sostiene che abbia interpretato un soldato anche da bambina. Nel 1740, Hannah si trasferì a Londra e sposò James Summs il 6 gennaio 1744. Nel 1746 diede alla luce una figlia, Susannah, che morì un anno dopo. Quando suo marito la abbandonò, prese in prestito un abito maschile da suo cognato James Gray, prese il suo nome e iniziò a cercare Summs. In seguito ha appreso che suo marito era stato giustiziato per omicidio. Secondo il suo racconto, si unì al reggimento di John Guise, il 6 ° reggimento di fanteria, nell'esercito del duca di Cumberland contro Bonnie Prince Charlie, e disertò quando il suo sergente le diede 500 frustate. Tuttavia, la cronologia della sua vita rende molto improbabile che abbia mai prestato servizio nel reggimento di Guise e questa parte della storia è probabilmente stata un'invenzione. 508px-HannahSnell Hannah Snell, nel frontespizio della sua storia di vita, La soldatessa; o The Surprising Life and Adventures of Hannah Snell

Dopo la morte di sua figlia, si è trasferita a Portsmouth e si è unita ai Marines. Salì a bordo della nave Ingoiare a Portsmouth il 23 ottobre 1747. La nave salpò per Lisbona il 1 ° novembre. La sua unità stava per invadere Mauritius, ma l'attacco è stato annullato. La sua unità poi ha navigato in India.

Nell'agosto 1748, la sua unità fu inviata a una spedizione per catturare la colonia francese di Pondicherry in India. Successivamente partecipò anche alla battaglia di Devicotta nel giugno 1749. Fu ferita undici volte alle gambe e una all'inguine. O è riuscita a curare la ferita all'inguine senza rivelare il suo sesso o potrebbe aver usato i servizi di un'infermiera indiana comprensiva. Nel 1750, la sua unità tornò in Gran Bretagna e viaggiò da Portsmouth a Londra, dove rivelò il suo sesso ai suoi compagni di nave il 2 giugno. Ha presentato una petizione al duca di Cumberland, il capo dell'esercito, per la sua pensione. Ha anche venduto la sua storia all'editore londinese Robert Walker che ha pubblicato il suo account, La soldatessa, in due diverse edizioni. Ha anche iniziato ad apparire sul palco nella sua uniforme presentando esercitazioni militari e cantando canzoni. Tre pittori hanno dipinto il suo ritratto nella sua uniforme e Il Gentleman's Magazine ha riferito le sue affermazioni. Fu dimessa con onore e il Royal Hospital, Chelsea, riconobbe ufficialmente il servizio militare di Snell nel novembre e le concesse una pensione nel 1750 (aumentata nel 1785), cosa rara a quei tempi. Hannah si ritirò a Wapping e iniziò a tenere un pub chiamato La donna guerriera (o La vedova in maschera, i conti non sono d'accordo) ma è durato poco. Verso la metà del 1750 viveva a Newbury nel Berkshire. Nel 1759 vi sposò Richard Eyles, dal quale ebbe due figli. Nel 1772 sposò Richard Habgood di Welford, anche lui nel Berkshire, e i due si trasferirono nelle Midlands. Nel 1785 viveva con suo figlio George Spence Eyles, un impiegato, in Church Street, Stoke Newington.
Nel 1791 le sue condizioni mentali peggiorarono improvvisamente. È stata ricoverata al Bethlem (Bedlam) Hospital il 20 agosto. Morì l'8 febbraio 1792.