Ambra Siciliana - Croce d'Ambra

In Jane Austen's Mansfield Park, Il fratello di Fanny Price William, che è in marina, le dà un croce d'ambra dalla Sicilia.
... l'ornamento quasi solitario in suo possesso, una graziosa croce d'ambra che William le aveva portato dalla Sicilia ... –Jane Austen, Mansfield Park, capitolo 26
Su alcune spiagge della Sicilia si trovano pezzi di un raro tipo di ambra chiamata simetite. Si dice spesso che Jane Austen non menzioni mai le guerre napoleoniche. Tuttavia, le chiederei, perché ha scelto di menzionare la Sicilia? Una mappa della Sicilia del XV secolo. Jane e Cassandra hanno ricevuto croci di topazio dal loro fratello Charles. Sotto, un pezzo di ambra. Sicuramente il regalo ha ispirato la croce di Fanny a Mansfield Park. Una mappa della Sicilia del XV secolo. Jane e Cassandra hanno ricevuto croci di topazio dal loro fratello marinaio Charles (in alto). Sotto, un pezzo di ambra. Sicuramente il regalo ha ispirato la croce di Fanny Mansfield Park La Sicilia fu di grande importanza strategica durante le guerre napoleoniche. Era una fonte di un minerale che era un ingrediente in un composto che era di vitale importanza per lo sforzo bellico britannico: la polvere da sparo. Lo zolfo è uno dei componenti della polvere da sparo. La polvere da sparo è una miscela di nitrato di potassio (salnitro), zolfo e carbone nel rapporto 6: 1: 1. L'interesse britannico per la Sicilia era radicato nei più grandi giacimenti di zolfo d'Europa. Lo zolfo è stato estratto in diverse località dell'isola. Nel 1800, la Sicilia era la fonte della maggior parte dello zolfo utilizzato dal governo britannico. D'altra parte, a quel tempo, il salnitro veniva prodotto in modo più efficiente in condizioni ambientali calde e umide. L'abbondante legna da ardere e la manodopera poco costosa completavano anche le necessità per la produzione di salnitro. Era inoltre necessario un fiume navigabile per consentire il carico su larga scala e la spedizione a basso costo. L'India era uno dei pochi posti che combinava tutte queste condizioni. Nel solo anno 1815, l'anno della battaglia di Waterloo, la Compagnia delle Indie Orientali esportò 7.300 tonnellate di salnitro. Tra il XV e il XIX secolo, l'ontano spinoso era più spesso utilizzato nella produzione di carbone in Gran Bretagna. Nel XVIII secolo, le parti settentrionali della Lea Valley erano densamente coltivate con Alder, Crack Willow e Alder Buckthorn. Una volta stabiliti, questi alberi venivano regolarmente ceduti (tagliati appena sopra il livello del suolo ogni 15 anni circa) per produrre carbone di alta qualità, uno degli ingredienti della polvere da sparo. La produzione di carbone consiste nell'accatastare pezzi di legno corti attorno a un camino creato da pezzi di legno più lunghi. Quindi tutta la catasta di legno viene ricoperta di argilla, lasciando aperture nella parte inferiore per l'aria e nella parte superiore del camino. Il combustibile che brucia viene lasciato cadere nel camino, creando una bassa combustione di ossigeno del legno, creando carbone. Da sinistra a destra, un disegno di un macinino per polvere da sparo del 1768 dall'enciclopedia di Diderot, i resti del e un ritratto di Sir William Congreve, inventore del Congreve Rocket. Da sinistra a destra, un disegno di un macinino per polvere da sparo del 1768 Enciclopedia di Diderot Lo zolfo e il salnitro furono rispediti nelle isole britanniche dove furono combinati con carbone prodotto localmente. Il maggiore William Congreve ha supervisionato la produzione di polvere da sparo durante le guerre napoleoniche. Era responsabile del miglioramento del processo utilizzando un approccio più scientifico alla produzione e al controllo di qualità. La polvere da sparo è stata prodotta presso ilRoyal Gunpowder Mills, a Waltham Abbey nell'Essex sulle rive del Lea, in Inghilterra, e Woolley vicino a Bath sull'Avon era anche il sito di un mulino reale di polvere da sparo. Ballincollig Royal Gunpowder Mills era uno dei tre mulini Royal Gunpowder che producevano polvere da sparo per il governo britannico. Si trovava a Ballincollig vicino a Cork in Irlanda. In ogni sito sono stati prodotti circa 2.000 barili di polvere da sparo all'anno. Nel periodo napoleonico c'erano quattro tipi principali di barili di polvere; Barili (da 100 libbre), mezzi barili (50 libbre), quarti (25 libbre) e barili mobili (38 libbre). L'importanza della Sicilia nello sforzo bellico sarebbe stata ben nota durante le guerre napoleoniche. Anche il breve accenno dell'isola di Miss Austen avrebbe evocato immagini dei suoi depositi di zolfo, che fornivano i Royal Gunpowder Mills, alle persone dell'epoca. A oltre 200 anni di distanza dalla contemporaneità di Austen, dobbiamo ricordare fatti che allora erano di dominio pubblico.
Scritto per la rivista online Jane Austen da Sharon Wagoner, curatrice di L'indice georgiano. Visita il suo sito per un tour storico attraverso la Regency London. Il suo romanzo, L'incoronazione, è disponibile gratuitamente per Amazon Kindle.