Libri di cucina del XVIII secolo e casalinga britannica

Sono sicuro che le signore lì non avevano niente a che fare con i misteri della pentola o della teglia "- James Edward Austen-Leigh, scrivendo delle sue zie, Jane e Cassandra Austen, e della nonna, la signora Austen, quando vivevano alla Steventon Rectory.
Nel 1747, la signora Hannah Glasse scrisse il suo storicoL'arte della cucina resa semplice e semplice, un libro di cucina di facile comprensione per gli chef di classe inferiore che cucinano per i ricchi. Le sue ricette erano semplici e venivano fornite con istruzioni dettagliate, un pensiero rivoluzionario all'epoca.
The Art of Cookery's la prima differenza è stata la semplicità: istruzioni semplici, ingredienti accessibili, un accento sulla parsimonia, ricette facili e aiuto pratico con pesi e tempismo. È uscito il testo sconcertante di vecchi libri di cucina ("farla rosolare" è diventata "rosolatela in un buon burro"; "disegnatelo con il prezzemolo" è diventato "buttatelo sopra"). Non ha senso francese: nessuna pasticceria complicata che un normale cuoco non possa sperare di cucinare con successo. Glasse ha tenuto conto dei limiti della cucina media della classe media: il numero ridotto di personale, le attrezzature di base per cucinare, i fondi limitati. - Hannah Glasse, The Original Domestic Goddess forum
Fino a quando la signora Glasse scrisse il suo popolare libro di cucina (17 edizioni apparvero nel XVIII secolo), questi libri didattici erano stati scritti in gran parte da chef uomini che offrivano complicate ricette francesi senza indicazioni dettagliate o pratiche. (Per capire cosa intendo, controlla la ricetta di Antonin Careme per Les Petits Vol-Au-Vents a la Nesle a questo link.) Come Jane Austen, Hannah ha firmato i suoi libri "By a Lady". La signora Glasse aveva sempre avuto intenzione di vendere il suo libro di cucina alle amanti delle famiglie nobili o della classe media emergente, che avrebbero poi incaricato i loro cuochi di preparare i cibi dalle sue ricette semplificate, che lei raccoglieva. "La mia intenzione è di istruire il genere inferiore [in modo che] ogni servitore che sa leggere sarà in grado di fare un buon cuoco tollerabile,”Ha scritto nella sua prefazione.
L'approccio rivoluzionario di Hannah, che includeva la prima ricetta stampata conosciuta per il curry e le istruzioni per preparare un hamburger, aveva senso. Al mattino, era usanza della padrona di casa parlare al cuoco o alla governante dei pasti della giornata e dare indicazioni per la giornata. I servi a loro volta avrebbero interpretato le sue istruzioni. (Spesso la loro padrona doveva leggere loro le ricette, perché molte persone delle classi inferiori non sapevano ancora leggere.) In teoria, le ricette del libro di cucina di Hannah avrebbero aiutato la padrona di casa a stare fuori dalla cucina e godersi qualche momento di libertà. tempo. Ma il tasso di turnover della servitù era alto e spesso la padrona doveva rimboccarsi le maniche e partecipare attivamente alla cucina. Molte famiglie con solo due o tre domestici non potevano permettersi un'amante del tempo libero e loro, come la signora Austen nelle cucine di Steventon Rectory e Chawton Cottage, lavoravano insieme al loro personale di cucina.
All'inizio del XVIII secolo il modo di cucinare cortese francese era ancora prevalente nelle famiglie signorili. Col passare del secolo, sempre più donne come Hannah Glasse iniziarono a scrivere libri di cucina che offrivano non solo versioni più semplici di ricette francesi, ma anche istruzioni per preparare torte, crostate e dolci tradizionali inglesi. Rispetto ai costosi libri di cucina scritti da chef uomini, i libri di cucina scritti da donne erano abbastanza convenienti, perché avevano un prezzo compreso tra 2 secondi. e 6 d. Gli editori hanno approfittato del commercio vivace, perché con i cambiamenti nelle pratiche agricole, il cibo stava diventando più abbondante per le classi medie in ascesa. Grandi edizioni di libri di cucina inglesi a buon mercato di una varietà di cuochi donne furono distribuite a un nuovo pubblico di lettori meno ricchi e in gran parte donne che avevano soldi da spendere per il cibo. Prima di Hannah Glasse e delle sue coorti, cuochi e casalinghe erano abituati a condividere ricette in riviste private (come Martha Lloyd's) o a trasmetterle con il passaparola. Le autrici tendevano a condividere le loro ricette native inglesi nei loro libri di cucina. Con il passare del secolo, il contenuto di questi libri di cucina iniziò a cambiare. A parte la stampa di ricette, questi libri iniziarono a includere istruzioni mediche per impacchi e simili; bollette per determinate stagioni o raduni speciali; suggerimenti per la casa e il marketing; ecc. Entro la fine del XVIII secolo, i libri di cucina includevano anche dosi massicce di etichetta dei servi e consigli morali. A quel tempo i piatti semplici inglesi avevano sostituito la cucina francese, sebbene le famiglie benestanti continuassero a impiegare chef francesi come costosi status symbol. A metà del XIX secolo libri di cucina che prendevano di mira le classi lavoratrici, come il famoso libro della signora Beeton su Gestione della famiglia, iniziò ad essere serializzato su riviste, oltre che pubblicato in forma di libro.
Prima di concludere questo post, vorrei rimandarti alla citazione di James Edward Austen-Leigh in alto. Contrariamente a quanto ha scritto (poiché non conosceva bene le sue zie o la nonna), la studiosa di Jane Austen Maggie Lane ci ricorda che le casalinghe che si consultavano con il loro cuoco e governante riguardo ai pasti della giornata si sentivano ancora a proprio agio lavorando in cucina. Lei scrive in Jane Austen e Food:
"Anche se non hanno mescolato la pentola o la padella da soli, la signora Austen e le sue figlie hanno capito perfettamente cosa stava succedendo dentro di loro ... Il fatto che la loro amica e compagna di casa Martha Lloyd abbia fatto una raccolta di ricette per le quali Il contributo della signora Austen è la prova che i processi di cucina erano compresi dalle donne della loro classe ". Puoi acquistare online libri di cucina ispirati a Jane Austen nel nostro negozio di souvenir Jane Austen! Clic Qui.
Vic Sanborn sovrintende Jane Austen's World , un blog che occupa così tanto del suo tempo libero che non cucina più. Invece, prova piatti fusion esotici nei ristoranti intorno a Richmond, Virginia, dove vive. Riesce anche ad aumentare di peso grazie agli sforzi culinari dei suoi amici e della sua famiglia. L'unico cuoco che Vic vorrebbe di più incontrare nella storia è Antonin Careme; La signora Glasse è una seconda vicina.

Lascia un commento

Tutti i commenti sono moderati prima di essere pubblicati