La sposa perfetta per Mr Darcy / Alla ricerca di Pemberley: due romanzi di Mary Lydon Simonsen recensiti

La sposa perfetta per il signor Darcy di Mary Lydon Simonsen

Recensito da Laurel Ann Nattress Non penso che esagererei se etichettassi Orgoglio e pregiudizio come l'opera più popolare di Jane Austen. In effetti, farò un ulteriore passo avanti e lo proclamerò uno dei romanzi più amati di tutti i tempi. Non è affatto una sorpresa per me che i lettori vogliano rivisitare questo racconto, e registi e scrittori continuano a pompare piatti ispirati a P&P. Negli ultimi quindici anni, abbiamo visto una pletora di prequel, sequel, rivisitazioni, variazioni e libri ispirati di Mr. Darcy e Lizzy Bennet. La nuova offerta di Mary Lydon Simonsen La sposa perfetta per il signor Darcy rientra nella categoria di variazione. Ha rielaborato la classica storia d'amore di idee sbagliate e incomprensioni offrendo la sua interpretazione unica. Purista, giusto avvertimento se sei facilmente "messo fuori" manomettendo il tuo amato classico. Ti consigliamo di affrettarti e tornare all'originale puro, ora! Non troverete qui una fedele adesione alle caratterizzazioni di Austen. Ma se sei liberale nell'approccio e temperato per una buona allodola, ci sono molti divertimenti da avere in questo nuovo romanzo. La trama è parallela all'originale di Jane Austen. Il signor Darcy, un giovane arrogante e ricco, snobba Elizabeth Bennet, la figlia di un gentiluomo vivace ed eccessivamente fiducioso a un ballo di assemblea locale. Sua sorella Jane e il suo migliore amico Charles Bingley si innamorano ma sono separati da lui. È convinta che Darcy abbia disprezzatamente negato una vita promessa al suo nuovo flirt, Mr. Wickham. Ipnotizzato dalla sua impertinenza e dai suoi begli occhi, è costretto a fare proposte nonostante le sue stesse obiezioni alla sua famiglia. Lo rifiuta categoricamente. Scrive la lettera di spiegazione "Non allarmatevi signora", quindi si allontana prontamente. Come si riuniranno e troveranno l'amore? Il racconto e l'epilogo di Austen sono famosi per i suoi colpi di scena e per il graduale capovolgimento del suo orgoglio e del suo pregiudizio. Simonsen percorre la stessa strada, ma i suoi personaggi reagiscono in modo diverso cambiando il risultato; richiedere lo sviluppo di altri personaggi minori per facilitare il loro eventuale incontro amoroso. Entrano la cugina malata di Mr Darcy Anne de Bourgh e la sua timida sorella minore Georgiana Darcy. Entrambe le donne hanno subito importanti trasformazioni di carattere. Anne è ora una cara amica e consigliera di sua cugina; Georgiana, una sorellina coraggiosa e avventurosa. Entrambi sostengono fortemente e pianificano la loro riunione.
Dopo che Darcy tornò nella sua stanza per la notte, Anne pensò a tutto quello che era successo tra Will ed Elizabeth e riconobbe che suo cugino si era messo in un vero disastro. Ma Fitzwilliam Darcy era innamorato di Elizabeth Bennet, e Anne aveva visto un vero interesse da parte di Elizabeth durante le loro serate insieme a Rosings Park, quindi qualcosa doveva essere fatto. Prima di ritirarsi, aveva deciso una linea d'azione. Era complicato come qualsiasi piano di battaglia e ci sarebbero voluti fortuna e tempismo per farlo funzionare. Ma era in gioco la felicità di sua cugina, e così iniziò a elaborare i dettagli del suo piano. Pagina 37
Attraverso l'espansione di altri personaggi minori e l'introduzione di nuovi, iniziamo a vedere il retroscena del capolavoro di Austen così come lo immagina Simonsen. Anche i servi, che nell'originale ricevono solo una menzione passeggera, ricevono delle battute fantastiche. Hill, la governante di Longbourn, diffonde ogni sorta di pettegolezzi e bocconcini pertinenti alla famiglia Bennet. Altri buchi riempiti. E Simonsen si azzarda persino a menzionare le due storie che Darcy aveva prima di incontrare Lizzy. Beh, dopotutto è un gentiluomo Regency. Uno dei più grandi cambiamenti di temperamento è nella sorella di Lizzy, la gentile e docile Jane Bennet. Non vede alcun difetto in nessuno nell'originale, che è di per sé un difetto, ma non in questa versione. Jane vede attraverso la falsa amicizia delle sorelle Bingley, chiama suo padre per spiegare la sua mancanza di guida a sua moglie e alle tre figlie più giovani, e crede che l'unica ragione per cui sua sorella ha rifiutato la proposta di matrimonio del signor Darcy fosse in sua difesa. Sì. Non si tratta di Darcy che è l'ultimo uomo al mondo su cui Lizzy potrebbe essere convinta a sposarsi (perché è uno snob e un idiota a quel punto) ma perché Lizzy era così arrabbiata con lui per aver separato la sua amata sorella dal suo fidanzato, Mr Bingley.
Era vero che l'antipatia di Lizzy per il signor Darcy si basava sulle sue parole scortesi e sul comportamento altezzoso all'assemblea, ma questo non sarebbe stato sufficiente per lei per respingere a priori una proposta di un uomo di tale importanza. E per quanto Lizzy fosse solidale con il signor Wickham che gli era stato negato il soggiorno promesso, Lizzy non aveva conosciuto il signor Wickham abbastanza bene da arrabbiarsi così tanto da ignorare l'offerta del signor Darcy. L'intensità del rifiuto di Lizzy poteva venire solo come risultato di qualcuno che amava essere ferito, e quel qualcuno era Jane. Pagina 117
Se sei soddisfatto della mia menzione di alcuni cambiamenti, fai attenzione. Questa è una vera fanfiction in cui “[S] offri quanto parli; Dai libero sfogo alla tua fantasia, vizia la tua immaginazione in ogni possibile volo che il soggetto potrà permettersi. " Simonsen ha giocato bene il gioco, anche se ho faticato con il set-up di apertura e alcuni che non hanno letto il romanzo originale né visto uno dei tanti film potrebbero perdersi mentre salta dal primo terzo della trama del libro originale al primo scena della proposta di Lizzy e Darcy a Hunsford. Dopo quel punto si sistema e sviluppa la sua inclinazione in modo più uniforme. Creativo, equilibrato e decisamente divertente, La sposa perfetta per il signor Darcy ti sorprenderà, ripetutamente, mentre confronti l'originale con questa variazione. Ammetto che è sempre difficile per me accettare grandi cambiamenti nei personaggi amati, specialmente Lizzy e Darcy, che conosciamo tutti così bene. Non posso dire di aver apprezzato tutte le vicissitudini, ma ammiro la creatività dell'autore. Laddove questo romanzo eccelleva nell'espansione di personaggi minori e nell'introdurne di nuovi, è affondato nel rispetto dell'eroe e dell'eroina di Austen, che è praticamente il motivo per cui molti sono attratti dal leggere un Orgoglio e pregiudizio sequel con Mr. Darcy nel titolo in primo luogo. Dopo il suo successo con la guida storica Alla ricerca di Pemberley, questo è il primo tentativo di Simonsen di pura fanfiction. È stato un ottimo inizio che promette un futuro ancora migliore. RRP: £9.99 Paperback: 400 pagine Editore: Sourcebooks, Inc (28 gennaio 2011) ISBN-13: 978-1402240256

Alla ricerca di Pemberley di Mary Lydon Simonsen

Recensioni di Laurel Ann Nattress Potrebbe il romanzo classico di Jane Austen Orgoglio e pregiudizio sono stati basati sul corteggiamento di Elizabeth Garrison e William Lacey, una coppia dell'era Regency che sembrano essere i doppelganger dei leggendari Elizabeth Bennet e Mr. Darcy? La possibilità è intrigante per Maggie Joyce, un'americana di 22 anni che lavora in Inghilterra dopo la seconda guerra mondiale che sente le voci sulla storia di Elizabeth e William Lacey mentre visita Montclair, la loro sontuosa tenuta nel Derbyshire le cui somiglianze con Pemberley, la grande tenuta di campagna di Pride e il pregiudizio sembra essere più di una sorprendente coincidenza. In qualità di devota fan del romanzo più popolare di Austen, Maggie è curiosa di scoprire la verità. Quando viene presentata a Beth e Jack Crowell, una coppia locale con forti legami con la famiglia Lacey, rivelano gradualmente a Maggie le loro ricerche attraverso le lettere, i diari e le tradizioni familiari di Lacey. Mentre Maggie inizia il suo viaggio nella storia parallela della vita reale delle famiglie Lacey / Darcy, incontra due giovani uomini, un bell'ex militare americano Rob McAllister sopravvissuto al suo pericoloso turno di servizio come navigatore di bombardieri sulla Germania e il più giovane di Crowell figlio Michael che serve nella RAF. Trascinata nelle lotte della sua stessa storia d'amore e ispirata da una versione del diciottesimo secolo sorprendentemente simile all'originale di Austen, Maggie, come Elizabeth Bennet, deve scegliere se si sposerà solo per amore. Un anno fa ho letto e recensito la versione auto pubblicata di questo libro, Ricordato di Pemberley. Riconoscendone i punti di forza e di debolezza, sono stato contento di vedere che era stato preso da Sourcebooks e sarebbe stato rinnovato e combinato con un secondo libro, il seguito che Simonsen aveva già completato. Vedo enormi miglioramenti rispetto alla sua edizione originale. La trama complicata e gli ampi dettagli storici sono stati modificati e la storia d'amore di Maggie, Rob e Michael è stata portata avanti. La trama, i personaggi e il soggetto sono ancora intriganti, tuttavia, come ho detto nella mia prima recensione, è solo l'esecuzione che potrebbe rendere questa storia a più livelli credibile, divertente e coesa. È ancora ovvio dai riferimenti storici e dagli antecedenti che Simonsen ha svolto le sue ricerche sulla storia georgiana e inglese dell'era della guerra mondiale poiché include storie su eventi, persone e luoghi per supportare i suoi personaggi con aplomb. Alla ricerca di Pemberley si legge come un documentario in cui i soggetti parlano dei loro ricordi di persone ed eventi, o lettere personali vengono lette alla scuola di documentari di Ken Burns. Lo stile narrativo è incentrato sui personaggi che raccontano e non mostrano come si sono svolti gli eventi e le relazioni. C'è pochissimo dialogo interattivo. Questo è fantastico per un documentario basato sui fatti, ma difficile per una storia d'amore storica. Di solito preferisco le trame guidate dai personaggi, quindi una volta che ho accettato che questo romanzo non riguardava entrare nella testa dei personaggi o nelle loro interazioni, mi è piaciuto molto. Come i romanzi epistolari dell'epoca di Jane Austen, lo stile di Alla ricerca di Pemberley potrebbe essere il suo limite maggiore. Scritto con rispetto per Jane Austen e passione per la storia, Simonsen ha combinato due generi in un dramma agrodolce in tempo di guerra che comprende gli elementi tragici della devastazione della guerra, non solo sugli uomini e le donne che hanno coraggiosamente servito, ma anche sugli amici, sulla famiglia e ai propri cari da cui sono tornati a casa. I riferimenti a Orgoglio e pregiudizio incanterà Janeites mentre ricordano i passaggi preferiti e confrontano le trame. (Potrebbe anche motivare alcuni lettori a leggere l'originale) Per essere abbastanza sincero, è stato difficile per me capire che il genio di Jane Austen avesse bisogno di qualche suggerimento per creare una storia. Per revocare l'ordine, l'ho semplicemente immaginata come una storia del "e se" e ha ammorbidito il pungiglione. RRP: £7.99 Paperback: 496 pagine Editore: Sourcebooks, Inc; Edizione ristampa (24 maggio 2010) ISBN-13: 978-1402224393 Laurel Ann Nattress è la curatrice di Jane Austen per tutta la vita Austenprose.com e la prossima antologia di racconti Jane Austen me l'ha fatto fare che sarà pubblicato da Ballantine Books l'11 ottobre 2011. Classicamente formatasi come paesaggista alla California Polytechnic State University di San Luis Obispo, ha anche lavorato nel marketing per una compagnia grand opera e attualmente si diletta a introdurre i neofiti al fascino della prosa di Miss Austen come libraia alla Barnes & Noble. Espatriato nel sud della California, Laurel Ann vive vicino a Seattle, Washington, dove piove molto. Ti è piaciuto questo articolo? Visita il nostro negozio di articoli da regalo e fuga nel mondo di Jane Austen per costume, cancelleria e altro ancora per il tuo matrimonio Regency.

Lascia un commento