Natale con la famiglia Austen

Entrò un violinista con un libro di musica, si avvicinò all'alto banco, ne fece un'orchestra e intonò come cinquanta dolori di stomaco. Entrò la signora Fezziwig, un grande sorriso sostanziale. Entrarono le tre Miss Fezziwigs, raggianti e adorabili. Sono arrivati ​​i sei giovani seguaci a cui hanno spezzato il cuore. Entrarono tutti i giovani uomini e donne impiegati nell'azienda. Entrò la cameriera, con il cugino, il fornaio. Entrò la cuoca, con l'amico particolare di suo fratello, il lattaio. Entrò il ragazzo di là, sospettato di non avere abbastanza vitto dal suo padrone; cercando di nascondersi dietro la ragazza della porta accanto, ma una che è stata dimostrata aver avuto le orecchie tirate dalla sua padrona. Entrarono tutti, uno dopo l'altro; alcuni timidamente, alcuni audacemente, alcuni con grazia, alcuni goffamente, alcuni spingendo, alcuni tirando; in tutti sono venuti, comunque e comunque. Andarono via tutti, venti coppie contemporaneamente; mani a metà giro e di nuovo indietro nell'altro senso nel mezzo e di nuovo su; in tondo nelle varie fasi di affettuoso raggruppamento; la vecchia coppia di spicco si presenta sempre nel posto sbagliato; nuova coppia top che ricomincia, appena arrivata; finalmente tutte le coppie migliori, e non una in fondo ad aiutarle! Quando questo risultato fu ottenuto, il vecchio Fezziwig, battendo le mani per interrompere la danza, gridò: "Ben fatto!" e il violinista immerse la sua faccia bollente in una pentola di porter, appositamente prevista per quello scopo. Ma disprezzando il riposo, alla sua ricomparsa ricominciò immediatamente, anche se non c'erano ancora ballerini, come se l'altro violinista fosse stato portato a casa, esausto, su una persiana, ed era un uomo nuovo di zecca deciso a batterlo fuori vista, o perire. C'erano più balli, e c'erano forfait, e più balli, e c'era la torta, c'era il negus, e c'era un bel pezzo di Cold Roast, e c'era un bel pezzo di Cold Boiled, e c'erano i pasticcini e tanta birra. Ma il grande effetto della serata è arrivato dopo il Roast and Boiled, quando il violinista (un cane abile, mente! Il tipo di uomo che conosceva i suoi affari meglio di quanto tu o io avremmo potuto dirgli!) Ha colpito "Sir Roger de Coverley. " Un canto natalizio, di Charles Dickens
  Il Natale non divenne una festa nazionale in Inghilterra fino al 1834, diciassette anni dopo che Jane Austen lasciò il mondo. Tuttavia, era cresciuto nell'osservanza popolare da molto più tempo, e durante la vita di Jane era già una vacanza molto attesa di desideri malinconici e allegre feste; pieno di usanze, rituali, riti e superstizioni, andare in chiesa e devozione, proprio come la festa ritratta da Dickens in Un canto natalizio. In effetti, l'unica cosa che la vita vittoriana e moderna ha da offrire che mancava ai tempi di Jane (per quanto riguarda il Natale) è il commercialismo e l'esuberanza senza vergogna, che arrivarono solo con il riconoscimento nazionale e una classe media in crescita, più tardi nel diciannovesimo secolo. . In altre parole, il Natale non era ancora stato commercializzato, quindi Jane Austen (e molti altri suoi tempi) lo consideravano principalmente come una festa sacra. In quanto figlia di un pio ecclesiastico, fu istruita a comprenderla in tutto il suo significato e bellezza cristiani. (Essere un uomo di chiesa non significava necessariamente che uno fosse devoto, ma nel caso del signor Austen lo era, e Jane stessa sembra aver preso le sue letture Il libro della preghiera comune abbastanza seriamente). Anche se ai vittoriani viene solitamente attribuito il merito di aver "inventato" il nostro Natale moderno, è più corretto dire che lo hanno reso popolare commercialmente. Non hanno inventato nessuna delle tradizioni secolari che erano state a lungo in vigore come il ceppo di Natale, l'oca arrosto e le patate o il budino di Natale. Allo stesso modo, canti natalizi e canti natalizi (chiamati "wassailing" o cantando con "le attese") erano già usanze radicate da tempo, come lo erano molti altri, tra cui vischio, banchetti, scambio di doni, decorazioni con sempreverdi e simili. Cosa hanno aggiunto allora i vittoriani? In primo luogo, la "rispettabilità" (rendendo di moda osservare il Natale); il “cracker” natalizio (ancora oggi diffuso) e l'uso di alberi ad alto fusto. Inoltre, la tecnologia è cresciuta e ha consentito lo scambio di cartoline e stampe natalizie, alimentando la popolarità delle festività.

Com'era il Natale di Jane?

Molto probabilmente preparava il tè per la sua famiglia la mattina come era sua abitudine; poi è andato in chiesa con loro; aiutata con la grande cena di Natale, se avesse mangiato a casa (piuttosto che a Godmersham o a casa di un altro parente), godendo di uno scambio di regali con i suoi fratelli e parenti stretti e un buon amico o due; ha partecipato a giochi di società (Charades era uno dei preferiti della famiglia), con forse un bel gioco di carte, o anche un ballo, se si tenevano. Potrebbe aver suonato canti natalizi al pianoforte, si è unita agli altri per sedersi intorno al fuoco per raccontare storie o leggere ad alta voce; e potrebbe essersi unita alla famiglia in preghiera, magari leggendone una di sua creazione, ad alta voce. La famiglia avrebbe goduto di cibo speciale e di una bevanda preferita, come il sidro vin brulé o il wassail ad un certo punto della sera; e se la compagnia si fermasse, tanto meglio. In breve, Jane e la famiglia Austen hanno trascorso una giornata di festa, e infatti hanno accolto tutti i festeggiamenti durante i dodici giorni interi di Natale. Che tu e il tuo facciate lo stesso!
Linore Rose Burkard è l'autore di Prima della fine della stagione, una storia d'amore regency ispiratrice. Visitatela sito web per ulteriori informazioni su questo e sui suoi altri libri. Ti è piaciuto questo articolo? Sfoglia il nostro Sezione natalizia su janeaustengiftshop.co.uk