Dido Elizabeth Belle

MM03264

Dido Elizabeth Belle

Dido Elizabeth Belle (1761-1804), era una figlia illegittima dell'ammiraglio Sir John Lindsay e di una donna africana ridotta in schiavitù conosciuta come Maria Belle. Didone fu mandato a vivere nella famiglia di William Murray, 1 ° conte di Mansfield, che era lo zio di Lindsay e quindi il prozio di Dido. Sorprendentemente, è stata allevata come una giovane gentildonna libera a Kenwood House nello stesso momento in cui il suo prozio, nella sua qualità di Lord Chief Justice, è stato chiamato a pronunciarsi su casi che incidono sulla legittimità della tratta degli schiavi. Nata intorno al 1761, fu battezzata nel 1766 nella chiesa di San Giorgio, a Bloomsbury. Il suo record di battesimo mostra che è nata mentre suo padre, John Lindsay, era nelle Indie Occidentali e che il nome di sua madre era Maria Belle. È stato suggerito che sua madre fosse una schiava africana catturata da una nave spagnola durante la cattura dell'Avana dagli spagnoli nel 1762.Lindsay era all'epoca un capitano della Royal Navy sulla HMS Trento, una nave da guerra con sede nelle Indie Occidentali che ha preso parte alla battaglia. Ciò è incerto, tuttavia, poiché non vi è alcun motivo per cui nessuna delle navi spagnole (che erano state immobilizzate nel porto interno) avrebbe avuto donne a bordo quando sono state consegnate alla resa formale della fortezza. Il bombardamento del Castello di Marro sull'Avana - Lindsay viene portata via dal Trent per prendere il comando del Cambridge, a destra Lindsay ha inviato il bambino Didone a suo zio, il conte di Mansfield, che viveva con la sua famiglia a Kenwood House a Hampstead, appena fuori Londra, in Inghilterra. Mansfield e sua moglie, che non avevano figli, stavano già allevando la cugina di Dido, Lady Elizabeth Murray, dopo la morte di sua madre; Didone aveva più o meno la stessa età di Elizabeth. È possibile che Mansfield abbia preso Dido come compagno di giochi di Elizabeth e, più tardi nella vita, il suo assistente personale (il suo ruolo all'interno della famiglia, come delineato di seguito, suggerisce che la sua posizione fosse più quella di compagna di una donna che di cameriera). Lo zio di Dido, William Murray, 1 ° conte di Mansfield e suo padre, l'ammiraglio Sir John Lindsay. Dido ha trascorso circa trent'anni a Kenwood House. La sua posizione era insolita, perché era formalmente figlia di uno schiavo, e come tale sarebbe stata considerata una schiava fuori dall'Inghilterra. Ma in una certa misura era trattata come un membro della famiglia. Lo stesso Lord Mansfield ha risolto questo paradosso in qualità di Lord Chief Justice of England and Wales. Quando viene chiamato a giudicare il caso di uno schiavo fuggito, Il caso di Somersett, ha decretato:
Lo stato di schiavitù è di natura tale da non poter essere introdotto per nessun motivo, morale o politico; ma solo il diritto positivo, che conserva la sua forza molto tempo dopo le ragioni, l'occasione e il tempo stesso da cui è stato creato, viene cancellato dalla memoria: è così odioso che non si può soffrire per sostenerlo se non il diritto positivo. Quali che siano quindi gli inconvenienti che possono derivare da una decisione, non posso dire che questo caso sia consentito o approvato dalla legge inglese.
La decisione di Mansfield è stata presa dagli abolizionisti nel senso che la schiavitù è stata abolita in Inghilterra, anche se la sua formulazione riserva un giudizio su questo punto, e in seguito ha detto che la sua decisione era di applicarsi solo allo schiavo in questione nel caso. Da allora gli storici hanno suggerito che l'esperienza personale di Mansfield abbia influenzato la sua decisione. Kenwood House come appare oggi. Nonostante la repulsione di Mansfield per la schiavitù, le convenzioni sociali della sua famiglia non sono chiare. Sulla base di un rapporto di un ospite americano, risultava che Didone non avrebbe cenato con il resto della famiglia, ma si sarebbe poi unito alle signore per un caffè in salotto. Paula Byrne sostiene che l'esclusione di Dido da questa cena era pragmatica piuttosto che consuetudine e indica altri aspetti della sua vita, come costosi trattamenti medici e lussuosi arredi per la camera da letto come prova della sua posizione di pari a Elizabeth a Kenwood. Crescendo, si è assunta la responsabilità del caseificio e degli allevamenti di pollame a Kenwood, e ha anche aiutato Mansfield con la sua corrispondenza, un'indicazione che era abbastanza istruita. La gestione del caseificio e del pollaio sarebbe stata un'occupazione tipica per le signore della piccola nobiltà, ma aiutare lo zio con la sua corrispondenza era meno usuale, poiché questo veniva normalmente fatto da una segretaria o da un impiegato, ma non da una donna. Didone riceveva anche un'indennità annuale di £ 30 10, più volte lo stipendio di una domestica; al contrario, Elisabetta riceveva circa 100 sterline, ma era un'ereditiera a pieno titolo e Didone, a parte la sua razza, era illegittima in un tempo e in un luogo in cui un grande stigma sociale di solito accompagnava tale status. Ritratto di Didone ed Elisabetta Un dipinto del 1779, precedentemente attribuito a Johann Zoffany, raffigura Didone accanto a sua cugina Elisabetta, che trasporta frutta esotica e indossa un turbante con una grande piuma. Didone è ritratto con grande vivacità, mentre la raffigurazione del cugino è più calma e formale. La mano di suo cugino giace sulla vita di Didone, suggerendo affetto e uguaglianza piuttosto che uno status subordinato. Il dipinto, che è esposto allo Scone Palace a Perth, in Scozia, è di proprietà dell'attuale conte di Mansfield e nel 2007 è stato esposto a Kenwood durante una mostra che si svolgerà insieme agli eventi che segnano il bicentenario dell'Abolition of the Slave Trade Act 1807. Quando Dido's padre morì senza eredi legittimi nel 1788, lasciò £ 1000 a un figlio e £ 1000 alla sua altra figlia illegittima, Elizabeth Lindsay o Palmer (nata intorno al 1765) che viveva in Scozia, chiedendo a sua moglie Mary di prendersi cura di lei. Il testamento di Mary Lindsay non menziona Dido o Elizabeth Lindsay. Lord Mansfield lasciò a Dido £ 500 come somma totale e £ 100 di rendita nel suo testamento e confermò ufficialmente la sua libertà. Dopo la morte di suo zio nel marzo 1793, Didone sposò John Davinier, un francese che lavorava come cameriere gentiluomo, il 5 dicembre 1793 a St. George's, Hanover Square; sia lei che lui erano allora residenti della parrocchia. I Davinier ebbero almeno tre figli: i gemelli Charles e John, battezzati a St George's l'8 maggio 1795, e William Thomas, battezzato anche lì il 26 gennaio 1802. Dido Belle Davinier morì nel 1804 e fu sepolto nel luglio di quell'anno a St George's Fields, un cimitero vicino a quella che oggi è Bayswater Road; negli anni '70, tuttavia, il sito fu riqualificato e la sua tomba fu spostata. Le sopravvisse suo marito, che in seguito si risposò e ebbe altri due figli. Il figlio di Belle, Charles Davinier, ha continuato a prestare servizio in quello che era informalmente noto come l'Esercito indiano, sebbene il suo servizio probabilmente iniziò con uno degli eserciti territoriali che esistevano prima della formazione dell'esercito indiano britannico nel 1858. Il suo ultimo discendente conosciuto, il suo grande -grande-nipote Harold Davinier, morto in Sud Africa nel 1975 senza aver avuto figli. Gugu Mbatha-Raw, a sinistra, e Sarah Gadon, che interpreta Dido Elizabeth Belle e Lady Elizabeth Murray in Belle. Gugu Mbatha-Raw, a sinistra, e Sarah Gadon, che interpreta Dido Elizabeth Belle e Lady Elizabeth Murray in Belle La pellicola, Belle (2013), di Amma Asante, traccia la vita paradossale di Didone come aristocratico di razza mista nell'Inghilterra del XVIII secolo, al tempo stesso erede e paria sociale. Il film è interpretato da Gugu Mbatha-Raw nei panni di Dido e Tom Wilkinson nel ruolo del suo tutore, Lord Mansfield.
A partire dal Wikipedia.com. Ulteriori informazioni su Didone, il suo ruolo nell'abolizione della schiavitù in Inghilterra e sul film Belle può essere trovato presso il dailymail.com.