Febbraio a Regency Bath

È quasi mezzogiorno in un freddo giorno feriale nella città georgiana. Sollevando la tenda drappeggiata al piano superiore del Jane Austen Center si può vedere dall'altra parte della strada verso Queen Square, gli alberi spogli e una panchina battuta dal vento. Nei mesi frondosi a venire, quella panchina sarà il luogo perfetto per panini e contemplazione, ma oggi anche il cielo ha la pelle d'oca. Almeno il suo colore, come in molti giorni recenti nel primo vero inverno da anni, è un bellissimo blu guscio d'uovo. È abbastanza per invogliare qualcuno a prendere aria. Allora faremo solo una breve passeggiata, una passeggiata ben confezionata, per vedere cosa può dirci Queen Square di Jane. Certo, siamo ancora al Bath del 2001 e c'è traffico da negoziare, ma una volta varcato l'ingresso l'atmosfera è tranquilla come le gonne di una tranquilla matrona. E in qualche modo, per quanto brutto sia, non puoi ignorare l'obelisco centrale giallo-grigio. Tutti i sentieri ordinati di ghiaia conducono ad esso, o meglio a lei. Veglia su tutta la piazza. "Mia madre desidera ardentemente la piazza" - Ora, di chi era quella voce? Non serve essere fantasiosi con tutto questo ordine in giro. Perché dovremmo presumere che lo spirito del luogo sia femminile? Queen Square, dopotutto, è stata progettata da un uomo. Già nel 1732, il giovane John Wood lo progettò come un incrocio tra il giardino di Cesare e un box per gli amanti del "decoro e del buon ordine". Avrebbe un pallisade separarlo dalla "terra comune a Uomini e Animali, o anche all'umanità in generale". E ancora, nel 2001, un'aria di gentile gentilezza aleggia lungo i suoi sentieri. Tutto è misurato e contenuto, recintato dal mondo la carne e il traffico. Molto piacevole per gli occhi, ma va detto che uno spirito giocoso potrebbe semplicemente provare un senso di moderazione e difficoltà qui. "Non posso uscire, come ha detto lo storno." Di nuovo quella voce. Ebbene, rimase qui - nel 1799. Nell'angolo sud-ovest della piazza, vicino a Chapel Row - numero 13. Era il desiderio del cuore della signora Austen rimanere a Queen Square. È venuta con il suo figlio finanziariamente fortunato, Edward, a prendere le acque, e con sua moglie e suo figlio. Oh, e Jane, la più giovane delle due figlie non sposate. Si è accodata abbastanza volentieri? Sicuramente era meglio che stare con zio e zia Leigh-Perrot, al Paragon, dopotutto. Jane si sedette alla finestra in alto e scrisse una delle sue lettere loquaci e dispettose alla sorella Cass, dicendo che i loro alloggi avevano un aspetto aperto e arioso. Forse aveva notato i tre pioppi lombardi che mandavano nel futuro le loro lunghe ombre tremanti: Madre, Cassandra e Jane. Sarebbero tornati a Bath per rimanere nel nuovo secolo pieno di correnti d'aria, in tempi meno felici. Un assaggio dei tempi a venire. Forse vedeva giovani donne - più giovani, più carine e più ricche di lei - che erano venute a Bath per essere "alla moda, felici e allegre" svolazzare qua sotto. Poteva quasi sentire le loro voci spumeggianti - "ricorda, papà, dobbiamo essere in una buona situazione - nessuna delle tue Queen Squares per noi!" E chi potrebbe biasimarli, davvero? Ma ciò che non poteva essere curato doveva essere sopportato o ridicolizzato. Raccontò a Cass della donna grassa in lutto, la loro padrona di casa, la signora Bromley. O meglio ha scritto, piuttosto che raccontato. Non era prudente dire metà dei pensieri nella propria testa. "Una figura grande e voluminosa ha il diritto di essere afflitta quanto il più aggraziato gruppo di arti del mondo." C'è di nuovo quella voce - giocosa, irriverente. Di chi è la voce che rompe il decoro di questo tranquillo angolo di Bath? Perché nessuno è ... a meno che non sia lo spirito del piccolo gattino nero che corre per le scale. Sue Le Blond è un'insegnante dal 1973. Ama insegnare e le piace appassionarsi di JA e letteratura in generale. Mentre ora lavora alcuni giorni alla settimana al Jane Austen Centre, trascorre il resto della settimana al Chippenham College insegnando inglese. Attualmente sta studiando scrittura creativa a scopo terapeutico presso l'Università di Bristol. Sue vive a Bradford-on-Avon con suo marito, due figli adolescenti e adorabili gatti. Ti è piaciuto questo articolo? Visita il nostro negozio di articoli da regalo e fuggire nel mondo di Jane Austen per altre ricette Regency.