John Heathcoat e la macchina della bobina

john heathcoatJohn Heathcoat era il figlio più giovane di un rispettabile piccolo contadino a Duffield, nel Derbyshire, dove nacque nel 1732. Quando era a scuola fece progressi rapidi e costanti, ma fu presto allontanato da esso per diventare apprendista presso un fabbro vicino Loughborough. Il ragazzo imparò presto a maneggiare gli strumenti con destrezza, e acquisì una conoscenza minuziosa delle parti di cui era composto il telaio della calza, nonché della più complessa macchina per ordito. A suo piacimento ha studiato come introdurre miglioramenti in essi, e il suo amico, il signor Bazley, MP, afferma che già all'età di sedici anni, ha concepito l'idea di inventare una macchina con la quale il pizzo potrebbe essere fatto simile a Buckingham o Merletto francese, poi tutto fatto a mano. Il primo miglioramento pratico che riuscì a introdurre fu nell'ordito, quando, mediante un ingegnoso apparato, riuscì a produrre "guantini" dall'aspetto merlettato, e fu questo successo che lo determinò a proseguire lo studio della meccanica merletti. Il telaio della calza era già stato applicato, in una forma modificata, alla fabbricazione di merletti a rete a punti, in cui la rete era RICAVATA come in una calza, ma il lavoro era leggero e fragile, e quindi insoddisfacente. Molti ingegnosi meccanici di Nottingham avevano, durante una lunga successione di anni, lavorato al problema di inventare una macchina mediante la quale le maglie dei fili dovevano essere ATTORCIATE l'una sull'altra nella formazione della rete. Alcuni di questi uomini morirono in povertà, alcuni furono resi pazzi e tutti ugualmente fallirono nell'oggetto della loro ricerca. La vecchia macchina per ordito mantenne la sua posizione. Quando poco più di ventun anni di età, Heathcoat andò a Nottingham, dove trovò prontamente un impiego, per il quale ricevette presto la più alta remunerazione, come incastonatore di calze e telai di ordito, ed era molto rispettato per il suo talento per invenzione, intelligenza generale e principi sani e sobri che regolavano la sua condotta. Continuò anche a perseguire l'argomento su cui la sua mente era stata occupata in precedenza, e si sforzò di comporre il congegno di una macchina a rete trasversale. Studia dapprima l'arte di realizzare a mano il Buckingham o il merletto a tombolo, con l'obiettivo di eseguire gli stessi movimenti con mezzi meccanici. Fu un compito lungo e laborioso, che richiedeva l'esercizio di grande perseveranza e ingegno. Il suo maestro, Elliot, lo descrisse a quel tempo come inventivo, paziente, abnegante e taciturno, imperterrito da fallimenti ed errori, pieno di risorse ed espedienti, e intrattenendo la più perfetta fiducia che la sua applicazione dei principi meccanici sarebbe stata infine coronata. con successo. È difficile descrivere a parole un'invenzione così complicata come la macchina per bobine. Era, infatti, un cuscino meccanico per fare il merletto, imitando in modo ingegnoso i movimenti delle dita della merlettaia che intersecavano o legavano le maglie del pizzo sul suo cuscino. Analizzando le parti componenti di un pezzo di pizzo fatto a mano, Heathcoat è stato in grado di classificare i fili in longitudinali e diagonali. Cominciò i suoi esperimenti fissando longitudinalmente i comuni fili del pacco su una sorta di telaio per l'ordito, e poi facendo passare i fili di trama tra di loro mediante comuni teleferici, consegnandoli ad altri capi sul lato opposto; quindi, dopo aver dato loro un movimento laterale e una torsione, i fili venivano ripassati all'indietro tra le successive corde adiacenti, le maglie essendo così legate allo stesso modo dei cuscini a mano. Dovette quindi escogitare un meccanismo che eseguisse tutti questi movimenti piacevoli e delicati, e farlo gli costò non poca fatica mentale. Molto tempo dopo disse: "L'unica difficoltà di far attorcigliare i fili diagonali nello spazio assegnato era così grande che se doveva essere fatto ora, probabilmente non avrei dovuto tentare la sua realizzazione". Il suo passo successivo fu quello di fornire sottili dischi metallici, da utilizzare come bobine per condurre i fili avanti e indietro attraverso l'ordito. Questi dischi, essendo disposti in telai portanti posti su ciascun lato dell'ordito, venivano mossi da opportuni macchinari in modo da condurre i fili da una parte all'altra nella formazione del merletto. Alla fine riuscì a elaborare il suo principio con straordinaria abilità e successo; e, all'età di ventiquattro anni, fu abilitato a garantire la sua invenzione da un brevetto. Durante questo periodo sua moglie fu tenuta in ansia quasi quanto lui, perché conosceva bene le sue prove e difficoltà mentre si sforzava di perfezionare la sua invenzione. Molti anni dopo che erano stati superati con successo, la conversazione che ebbe luogo una sera ricca di eventi fu ricordata vividamente. "Bene," disse la moglie ansiosa, "funzionerà?" "No", fu la triste risposta; "Ho dovuto fare di nuovo tutto a pezzi." Sebbene potesse ancora parlare con speranza e allegria, la sua povera moglie non riuscì più a frenare i suoi sentimenti, ma si sedette e pianse amaramente. Aveva, tuttavia, solo qualche settimana in più da aspettare, perché il successo a lungo faticato e ampiamente meritato, arrivò finalmente, e un uomo orgoglioso e felice era John Heathcoat quando portò a casa la prima sottile striscia di rete da bobine fatta dal suo macchina e lo mise nelle mani di sua moglie. Come nel caso di quasi tutte le invenzioni che si sono dimostrate produttive, i diritti di Heathcoat in qualità di titolare del brevetto sono stati contestati e le sue rivendicazioni di inventore sono state messe in discussione. Sulla presunta invalidità del brevetto, i merlettai adottarono coraggiosamente la macchina per bobine e misero in difficoltà l'inventore. Ma altri brevetti furono ritirati per presunti miglioramenti e adattamenti; ed è stato solo quando questi nuovi titolari del brevetto sono caduti e sono entrati in legge tra loro che i diritti di Heathcoat sono stati stabiliti. Un produttore di merletti, avendo intentato un'azione contro un altro per presunta violazione del suo brevetto, la giuria ha emesso un verdetto per l'imputato, in cui il giudice è stato d'accordo, sulla base del fatto che ENTRAMBE le macchine in questione erano violazioni del brevetto della Heathcoat. Fu in occasione di questo processo, "Boville v. Moore", che Sir John Copley (in seguito Lord Lyndhurst), che fu trattenuto per la difesa nell'interesse del signor Heathcoat, imparò a far funzionare la macchina della bobina per che potesse padroneggiare i dettagli dell'invenzione. Nel rileggere il suo brief, ha confessato di non aver compreso bene i meriti del caso; ma poiché gli sembrava di grande importanza, si offrì di scendere immediatamente in campagna e studiare la macchina finché non l'avesse capito; "e poi", disse, "ti difenderò al meglio delle mie possibilità." Di conseguenza si mise nella posta di quella notte e andò a Nottingham per sollevare il suo caso, come forse l'avvocato non lo aveva mai fatto prima. La mattina dopo il dotto sergente si mise in un telaio di pizzo, e non lo lasciò finché non riuscì a fare abilmente un pezzo di retina con le proprie mani e comprese a fondo il principio così come i dettagli della macchina. Quando il caso fu sottoposto a processo, il dotto sergente fu messo in grado di lavorare sul modello sul tavolo con tale astuzia e abilità, e di spiegare la natura precisa dell'invenzione con tale felice chiarezza, da stupire allo stesso modo giudice, giuria e spettatori. ; e la totale scrupolosità e maestria con cui gestì il caso ebbero senza dubbio la sua influenza sulla decisione della corte. Dopo la fine del processo, il signor Heathcoat, su richiesta, ha trovato circa seicento macchine in funzione dopo il suo brevetto, e ha proceduto a imporre royalty sui proprietari, che ammontavano a una grande somma. Ma i profitti realizzati dai fabbricanti di merletti furono molto grandi e l'uso delle macchine si estese rapidamente; mentre il prezzo dell'articolo fu ridotto da cinque libbre per iarda quadrata a circa cinque pence nel corso di venticinque anni. Nello stesso periodo il rendimento medio annuo del commercio di merletti è stato di almeno quattro milioni di sterline, e dà occupazione remunerativa a circa 150.000 operai. Per tornare alla storia personale del signor Heathcoat. Nel 1809 lo troviamo stabilito come produttore di merletti a Loughborough, nel Leicestershire. Lì portò avanti una prospera attività per diversi anni, dando lavoro a un gran numero di agenti, con salari che variavano da £ 5. a £ 10. una settimana. Nonostante il grande aumento del numero di mani impiegate nella produzione di merletti attraverso l'introduzione delle nuove macchine, si cominciò a sussurrare tra gli operai che stavano sostituendo il lavoro, e si formò una vasta cospirazione allo scopo di distruggerli ovunque trovato. . . . Tra i numerosi fabbricanti le cui opere furono attaccate dai luddisti, fu lo stesso inventore della macchina per bobine. Una luminosa giornata di sole, nell'estate del, un corpo di rivoltosi entrò nella sua fabbrica di Loughborough con le torce e vi appiccò il fuoco, distruggendo trentasette macchine per merletti e oltre 10.000 sterline di proprietà. Dieci degli uomini sono stati arrestati per il crimine e otto di loro sono stati giustiziati. Il signor Heathcoat fece una richiesta di risarcimento alla contea, e questa fu respinta; ma la Court of Queen's Bench decise a suo favore e decretò che la contea dovesse risarcire la sua perdita di 10.000 sterline. I magistrati cercarono di abbinare al pagamento del danno la condizione che il signor Heathcoat spendesse il denaro nella contea di Leicester; ma a questo non acconsentì, avendo già deciso di rimuovere altrove la sua manifattura. La manifattura di merletti di Tiverton di John Heathcoat c. 1836
A Tiverton, nel Devonshire, trovò un grande edificio che era stato precedentemente utilizzato come fabbrica di lana; ma il commercio di tessuti di Tiverton cadde in rovina, l'edificio rimase disabitato e la città stessa era generalmente in condizioni di estrema povertà. Il signor Heathcoat acquistò il vecchio mulino, lo ristrutturò e lo ingrandì, e lì ricominciò la produzione di merletti su scala più ampia di prima; mantenendo in pieno il lavoro ben trecento macchine, e impiegando un gran numero di artigiani con buoni salari. Non solo ha portato avanti la produzione di pizzi, ma i vari rami di attività ad essa collegati: raddoppio, filatura della seta, produzione di reti e finissaggio. Ha anche fondato a Tiverton una fonderia di ferro e lavora per la produzione di attrezzi agricoli, che si sono rivelati di grande convenienza per il distretto. Era una delle sue idee preferite che la forza del vapore fosse in grado di essere applicata per eseguire tutte le pesanti fatiche della vita, e lavorò a lungo all'invenzione di un aratro a vapore. Nel 1832 completò la sua invenzione tanto da poterla brevettare; e l'aratro a vapore di Heathcoat, sebbene da allora sia stato sostituito da quello di Fowler, era considerato la migliore macchina del genere che fosse stata inventata fino a quel momento. Il signor Heathcoat era un uomo di grandi doti naturali. Possedeva una solida comprensione, una rapida percezione e un genio per gli affari di prim'ordine. Con queste ha unito rettitudine, onestà e integrità, qualità che sono la vera gloria del carattere umano. Lui stesso un diligente autodidatta, ha dato pronto incoraggiamento ai giovani meritevoli nel suo lavoro, stimolando i loro talenti e alimentando le loro energie. Durante la sua vita frenetica, riuscì a risparmiare tempo per padroneggiare il francese e l'italiano, di cui acquisì una conoscenza accurata e grammaticale. La sua mente era in gran parte immagazzinata con i risultati di un attento studio della migliore letteratura, e c'erano pochi argomenti sui quali non si era formato per sé punti di vista acuti e accurati. I duemila operai al suo posto lo consideravano quasi un padre, e lui provvide con cura al loro benessere e al loro miglioramento. La prosperità non lo ha rovinato, come fanno tanti; né chiudere il suo cuore contro le pretese dei poveri e dei lottatori, che erano sempre sicuri della sua simpatia e del suo aiuto. Per provvedere all'istruzione dei figli dei suoi lavoratori, costruì per loro delle scuole al costo di circa 6.000 sterline. Era anche un uomo di carattere singolarmente allegro e vivace, il preferito dagli uomini di tutte le classi e il più ammirato e amato da coloro che lo conoscevano meglio. Negli elettori di Tiverton, città di cui il signor Heathcoat si era dimostrato un benefattore così genuino, lo restituì per rappresentarli in Parlamento, e mantenne il loro membro per quasi trent'anni. Per gran parte di quel tempo ebbe Lord Palmerston come suo collega, e il nobile signore, in più di un'occasione pubblica, espresse la grande stima che nutriva per il suo venerabile amico. Al ritirarsi dalla rappresentazione in, a causa dell'avanzare dell'età e delle crescenti infermità, milleduecento dei suoi operai gli regalarono un calamaio d'argento e una penna d'oro, in segno della loro stima. Si godette il suo tempo libero solo per altri due anni, morendo nel gennaio 1861, all'età di settantasette anni, e lasciando dietro di sé un carattere di probità, virtù, virilità e genio meccanico, di cui i suoi discendenti potrebbero essere orgogliosi.

Samuel Smiles (1812-1904) era uno scozzese che originariamente si era formato come medico prima di dedicarsi al giornalismo a tempo pieno. Smiles ha scritto per un pubblico popolare per mostrare alle persone come sfruttare al meglio i cambiamenti portati dalla rivoluzione industriale che stava travolgendo la Gran Bretagna e altre parti del mondo nella prima metà del 19 ° secolo. Nella sua opera più nota, Self Help; con illustrazioni di carattere e comportamento (1859) combina la moralità vittoriana con solide idee di libero mercato in racconti morali che mostrano i benefici della parsimonia, del duro lavoro, dell'istruzione, della perseveranza e di un solido carattere morale. Ha attinto alle storie di successo personali degli emergenti milionari autoprodotti nell'industria della ceramica (Josiah Wedgwood), nell'industria ferroviaria (Watt e Stephenson) e nell'industria della tessitura (Jacquard) per sottolineare che i vantaggi del mercato erano aperto a chiunque.