Giugno a Regency Bath

"Sarebbe molto piacevole essere vicino a Sydney Gardens. Potremmo entrare nel labirinto ogni giorno! " Bagno Questo mese, Jane Austen intende darci la scivolata. Dobbiamo essere sia agili che intelligenti se non vogliamo perderla di vista in un labirinto di ironia. Per la ben educata e rispettosa signorina Jane, la figlia minore [anche se non molto giovane a venticinque anni] del reverendo George Austen, sta mostrando un volto coraggioso e luminoso alla decisione dei suoi genitori di ritirarsi a Bath. Riempie le sue giornate artificiali di impegni. C'è così tanto da fare - se la sua misera indennità dovesse allungarsi. Il 4 giugno, ad esempio, ci sarà il concerto annuale con luminarie e fuochi d'artificio per il compleanno di sua maestà il re Giorgio - sai, quel personaggio reale con una presa sulla ragione piuttosto sottile. "Anche il concerto avrà più del suo solito fascino con me, dato che i giardini sono abbastanza grandi da permettermi di andare abbastanza ben oltre la portata del suo suono", commenta Jane, piuttosto aspra. BagnoAll'estremità di Pulteney Street, proprio di fronte al più elegante parco di divertimenti fuori Vauxhall di Londra, troviamo il 4, Sydney Place. Porta l'unica targa di Jane in tutta la città. Qui ha vissuto dal 1801 fino alla fine del 1804. L'architetto responsabile di questa parte di Bath, Thomas Baldwin, ha chiaramente consumato la sua piazza quando ha pianificato. Il punto di vista di un aerostato non assomiglierebbe a niente come a due sorelle zitelle dai capelli dritti che si sono voltate le spalle a vicenda, hanno adagiato la testa sulla fontana di Laura-Place e, all'estremità del viale, hanno ginocchia a 45 gradi per formare il diamante perfetto di Sydney Place. Ma i tempi e i gusti sono cambiati, e negli anni '90 più selvaggi, un certo Charles Harcourt-Masters progettò i Sydney Gardens in conformità con la nuova moda per i sentieri tortuosi, le pergole ombrose e le "profonde voragini romantiche". Oh, e labirinti. Jane doveva stringere una relazione di amore-odio con tali terre selvagge paradossalmente coltivate. Quando questo strano intermezzo oscuro a Bath era finito, scriveva in "Mansfield Park" dei suoi personaggi accaldati e moralmente confusi che entravano e uscivano da tali percorsi in un noioso parco di una grande casa. "Abbiamo guardato l'intero panorama e l'abbiamo trovato racchiuso in cancelli di ferro ". Percorso a ponte Non importa, perché sicuramente l'essenza della civiltà è il controllo sulla natura? Qui ci sono boschi dolci e verdure sufficienti a calmare l'inquietudine che sembra affliggere la giovane signorina Austen. La passeggiata lungo il nuovo canale, ad esempio, offre uno scorcio allettante delle lontane colline oltre Bathampton, come se viste attraverso l'estremità sbagliata di un telescopio. E anche qui ci sono attraenti ponticelli di ghisa che spuntano dalla fitta vegetazione sull'alzaia, trasportando uno attraverso l'arco delle meraviglie della nuova tecnologia, salvando le proprie pantofole estive e l'orlo di mussola del proprio azzurro cielo. abito di fango. Ed ecco un allettante tuffet dove sedersi, come la non piccola Miss Muffet, e attendere la discesa dell'inevitabile ragno dell'ansia dall'albero soprastante. No, Cassandra, non voglio che tu faccia il mio ritratto. Parlo chiaramente per una volta? Quella vista della mia schiena nel mio abito blu e cuffia è un silenzio parlante o un silenzio silenzioso? Forse la mia opinione inespressa rimarrà nell'aria di Sydney Gardens più a lungo delle mie lettere a te, così facilmente distrutte al tocco di un fiammifero. Jane AustenPerché Jane ha voltato le spalle a Cassandra in quel ritratto in abito blu del 1804? Sembra che volesse essere invisibile, per sfuggire agli occhiali da quiz di quello che avrebbe chiamato in "Northanger Abbey" un quartiere di spie volontarie. E per citare un altro bambino del futuro: E questo cancello di ferro, questo ha-ha, mi dà un senso di moderazione e difficoltà. Non posso uscire, come ha detto lo storno. Nella testa di Jane le ironie dovevano essere ronzanti come un'emicrania. Aveva idee, sì, ma non idee per una nuova storia, tanto quanto idee che avrebbe dovuto davvero scrivere una nuova storia, che è la peggiore di tutti i mondi. E tutto quello a cui riusciva a pensare era il simbolismo del labirinto. Gated Ai tempi di Jane, il labirinto si estendeva su una vasta area sul lato sinistro dei giardini in pendenza ascendente, tra il campo da bocce e il canale. Comprendeva alcune caratteristiche deliziosamente gotiche, come la grotta ricoperta di muschio con il suo passaggio sotterraneo che conduce al centro del labirinto. Una ruota girevole ti porterebbe in una corsa vertiginosa sopra gli alberi e le siepi dove potresti vedere le anime perdute che vagano ancora in basso. Come doveva aver desiderato ardentemente il lontano Hampshire, sentire la corrente d'aria fresca, annusare la fienagione, l'aglio selvatico, le violette - le cose tranquille, le cose vere che desiderava nel "bagliore bianco" della città artificiale. E mentre cavalcava, avrebbe potuto contare i giri della ruota massiccia, come gli anni che girano costantemente. Venticinque, ventisei, ventisette e nessuna protezione contro il "anni di pericolo ". Nessun interesse da parte del sangue di baronetto e nemmeno del sangue del clero, per quanto sottile, per la seconda figlia dell'anziano George Austen. Sir Philip Sidney Cosa dovrebbe fare? Sir Philip Sidney - i giardini erano chiamati per lui, si chiede - disse "Guarda nel tuo cuore e scrivi". Ottimo. Nel suo cuore, quindi, ci sono tutte donne single. Immagina una famiglia di - non due, ma quattro zitelle single e squattrinate, con un padre anziano, diciamo un ecclesiastico. Quale dovrebbe essere il loro nome? Perché, i Watsons ovviamente. Quali figli - sorride debolmente al povero gioco di parole - passerebbero una tale stasi, tali dubbi? Pensa con invidia ai suoi fratelli, così liberi di affrontare il mondo. Lascia parlare una vivace sorella Watson: ha una voce. Lei dice "Preferirei essere un insegnante in una scuola - e non riesco a pensare a niente di peggio - che sposare un uomo che non mi piaceva ". Ma un altro dice: "Sai che dobbiamo sposarci. È molto brutto invecchiare, essere poveri e derisi ". Deve nominare queste sorelle, queste voci. Elisabetta? Emma? Sì, Emma. Io sono ... io ... io ... io ... io ... Il vero cuore del labirinto di Jane è stato raggiunto. Ci sono pochissime lettere e niente tranne il frammento chiamato "The Watsons"Colomba dal periodo di Jane a Bath. Jane Austen scompare semplicemente alla vista tra il fogliame. Perdiamo del tutto la sua voce, e tutto ciò che l'aspirante biografo rimane in questo mese frondoso è il muso beffardo di un piccione. Sue Le Blond è insegnante dal 1973. Ama insegnare e le piace appassionarsi di JA e letteratura in generale. Mentre ora lavora alcuni giorni alla settimana al Jane Austen Centre, trascorre il resto della settimana al Chippenham College insegnando inglese. Attualmente sta studiando scrittura creativa a scopo terapeutico presso l'Università di Bristol. Sue vive a Bradford-on-Avon con suo marito, due figli adolescenti e adorabili gatti. Sue è sempre felice di ricevere e-mail feedback e commenti. Ti è piaciuto questo articolo? Visita il nostro negozio di articoli da regalo e fuggire nel mondo di Jane Austen.