Longbourn: A Novel, di Jo Baker

longbourn-by-jo-baker-2013-x-200

Longbourn: A Novel, di Jo Baker

Recensione di Syrie James Cosa stava succedendo sotto le scale Orgoglio e pregiudizio? Chi erano le figure spettrali che tenevano sia la trama che la famiglia Bennet dietro le quinte? Questa è la premessa dell'avvincente romanzo di Jo Baker Longbourn, che prende il famoso lavoro di Jane Austen, lo capovolge e scuote un racconto pienamente realizzato e assolutamente convincente della vita e del romanticismo tra i servi. Sebbene Longbourn inizia leggermente prima Orgoglio e pregiudizio e continua oltre la fine di Austen, per la maggior parte corrisponde all'azione di quel romanzo, concentrandosi quasi esclusivamente sul personale domestico. La protagonista è la giovane, graziosa, esuberante, lavoratrice domestica Sarah, un'orfana che si rivolge ai libri per sfuggire agli umili doveri quotidiani che la respingono e la sfiniscono. All'inizio, leggere dei suoi doveri mi respinse anche, e desideravo tornare al mondo bello e pulito di Orgoglio e pregiudizio, dove giovani donne in graziosi abiti ballano ai balli e intrattengono conversazioni intelligenti con bei signori in finanziera e calzoni. Longbourn ci ricorda che la nostra percezione di quel mondo è altamente idealizzata e che i Bennet, i Bingley e i Darcys godevano di uno stile di vita che dipendeva interamente dal duro lavoro di persone la cui vita era tutt'altro che carina:
Sarah sollevò il suo vaso da notte da sotto il letto e lo portò fuori, la testa girata di lato in modo da non confrontarsi troppo con il suo contenuto. Questo, rifletté, mentre attraversava il cortile piovoso e si dirigeva verso la casa necessaria, e versava il contenuto della pentola nel buco, questo era il suo dovere, e non poteva trovarvi soddisfazione, e trovava strano penso che una persona potrebbe. Ha risciacquato il palo dalla pompa e l'ha lasciato rinfrescare sotto la pioggia. Se questo era il suo dovere, allora voleva quello di qualcun altro. (p. 115)
Il libro offre uno sguardo incrollabile sulle spiacevoli realtà fisiche della vita all'inizio del diciannovesimo secolo, da geloni e pidocchi a trasportare l'acqua nelle mattine gelate, lucidare i pavimenti, strofinare i piatti incrostati di cibo, lavare i vestiti sporchi, lavare gli stracci intrisi di sangue mestruale, e persino la vista dei peli delle ascelle di Elizabeth Bennet. Volevo leggere di queste cose? Non proprio! Ma la natura vivace di Sarah e il suo feroce desiderio di un'esistenza più appagante la rendono immediatamente cara a noi e ci rendono desiderosi di saperne di più. Desidera essere apprezzata dalle persone che serve, ma rimane invisibile a chiunque non sia l'esigente governante Mrs. Hill. Le cose cambiano quando un nuovo e affascinante cameriere appare dal nulla ed è impiegato dal signor Bennet. All'inizio Sarah non è sicura di cosa pensare di James Smith ed è sia preoccupata che incuriosita dal suo misterioso passato. Anche se la sua testa è momentaneamente girata dal valletto di Mr. Bingley, Tolomeo, non c'è mai alcun dubbio su chi sia il vero eroe e su che eroe divino sia. James Smith può essere povero e nascosto segreti, ma è intelligente, premuroso, laborioso e gentile, un abolizionista convinto, un grande lettore, un amante dei cavalli e un gentiluomo; ed è sempre alla ricerca di proteggere la nostra eroina. I personaggi di Orgoglio e pregiudizio sono solo figure oscure in questo romanzo, e non sempre presentate in una luce favorevole; non c'è molto da apprezzare in Elizabeth Bennet vista attraverso gli occhi di Sarah. I signori le sembrano più grandi della vita, come in questo momento in cui apre la porta per ammettere il signor Darcy e il colonnello Fitzwilliam:
Una macchia di colori intensi - un cappotto di velluto verde, uno blu - e il leggero scricchiolio di una buona pelle, e un profumo che emana come linfa di pino, cera di candela e lana. Guardò i loro stivali lucidi spargere le foglie di tè sul pavimento di legno. I due signori erano così lisci, così grandi e di tale sostanza; era come se appartenessero completamente a un ordine di creazione diverso, e si muovessero in un elemento separato, ed fossero diversi come gli angeli. (p. 198)
Baker ha un modo di usare qua e là una parola inaspettata che mi è piaciuta molto, come nella sua descrizione della pioggia che "rimbalzava sulle lastre di pietra, gorgogliava lungo le grondaie, sibilava dai beccucci". Alcune delle lacune e delle allusioni in Orgoglio e pregiudizio sono compilati: la ricchezza ereditata dal signor Bingley si basa sul commercio di zucchero, tabacco e schiavi; diventiamo consapevoli delle viziose realtà della schiavitù; e gli ufficiali dell'esercito non sono solo oggetti civettuoli in camice rosso; qui, sono soggetti ad atti brutali e spediti all'estero per combattere in condizioni orribili. Anche se questi sono tutti argomenti molto degni, ho avuto problemi con la sezione del libro che copre le esperienze di un personaggio nella guerra napoleonica. Era eccessivamente lungo e violento, trascorreva troppo tempo lontano dalla storia principale e non sembrava adattarsi al tono del resto del romanzo. La narrazione in Longbourn cambia tra le prospettive in terza persona, di solito dal punto di vista di Sarah, ma occasionalmente da altri come Polly, l'innocente sguattera (allettante preda per un Wickham particolarmente diabolico), la signora Hill (che nasconde i suoi segreti e profonde delusioni) e il nostro eroe James Smith. A differenza di Austen, Baker ci dà un assaggio della passione che bramiamo leggere tra i nostri protagonisti romantici:
Ecco James, ora, con la mano avvolta intorno al suo braccio, e il suo tocco e la sua vicinanza e la sua voce erano bassi e urgenti, e tutto sembrava avere importanza, e tutto le stava facendo cose strane e piacevoli. Si sentì ammorbidire e calmarsi, come un gatto che si crogiola nel bagliore del fuoco. E c'è stato proprio ora, proprio questo momento, in cui è stata in bilico sull'orlo tra il mondo che aveva sempre conosciuto e il mondo al di là, e se non avesse agito ora, allora non l'avrebbe mai saputo.  Lo ha catturato, per così dire, sul luppolo. Le sue labbra si scontrano con le sue, sorprendendolo; oscillò un po 'indietro, contro il braccio che lei aveva teso intorno a lui. Le sue labbra erano morbide, calde e goffe, e il suo piccolo corpo premeva con forza contro il suo. Era troppo resistere. Le fece scivolare le braccia intorno alla vita stretta, la tirò a sé e si lasciò baciare. (p. 154)
La tensione cresce quando una svolta inaspettata degli eventi separa i giovani innamorati e Sarah è costretta ad affrontare il passato problematico di James e le infinite richieste dei Bennet. C'è una grande svolta nella storia, e anche se l'ho visto arrivare presto, è stata gestita in modo toccante. Ho trovato la sequenza della trama che coinvolge Sarah alla fine del libro per essere affrettata e non plausibile. Spero che non sia uno spoiler dirlo volere ottieni il tuo lieto fine; tuttavia, la scena è stata così breve da risultare insoddisfacente, con una sola riga di dialogo. Jane Austen spesso sorvola in modo simile i momenti culminanti dei suoi amanti, ed è uno dei pochi difetti che ho con la sua scrittura. Quando trascorri un intero libro investito in questi personaggi (specialmente quando sono stati separati per così tanto tempo), non vedi l'ora di un climax romantico che si manifesti e susciti le emozioni. Morivo dalla voglia di sentire Sarah e James esprimere ad alta voce i loro sentimenti, e deluso che non lo facessero. A parte questi cavilli, ho scoperto Longbourn essere un romanzo affascinante con personaggi indimenticabili a cui tenevo veramente. Non leggerò mai Orgoglio e pregiudizio o ogni altro romanzo sulle "classi superiori" nello stesso modo.
  • Paperback: 448 pagine
  • RRP: £7.99
  • Editore: Black Swan (1 gennaio 2014)
  • Linguaggio: Sconosciuto
  • ISBN-10: 0552779512
  • ISBN-13: 978-0552779517
Syrie JamesAuthorPhoto2012Syrie James è l'autore di bestseller dei romanzi acclamati dalla criticaThe Missing Manuscript of Jane Austen, The Lost Memoirs of Jane Austen, The Secret Diaries of Charlotte Brontë, Dracula My Love, Forbidden, Nocturne,Songbird, eProposizioni. Il suo prossimo romanzo, Il primo amore di Jane Austen, che riporta in vita la storia non raccontata della relazione romantica di Jane da adolescente con Edward Taylor, uscirà da Berkley il 5 agosto 2014. Segui Syrie sutwitter, farle visitaFacebooke scopri di più su di lei e sui suoi libri su syriejames.com. Questa recensione è originariamente apparsa su Austenprose.com. È usato qui con il permesso.