La moda dei ritratti in miniatura

Miniature di ritratto

"Oh, Elinor!" gridò: "Ho un tale segreto da raccontarti di Marianne. Sono sicura che presto si sposerà con il signor Willoughby". "Hai detto così", rispose Elinor, "quasi ogni giorno da quando si sono incontrati per la prima volta a Highchurch Down; e non si conoscevano da una settimana, credo, prima che tu fossi certa che Marianne portasse la sua foto al collo; ma risultò essere solo la miniatura del nostro prozio ". Senso e sensibilità

Nel 1761 il re Giorgio III diede alla sua sposa un regalo di nozze di un minuscolo ritratto in miniatura di se stesso. Non sapeva che stava ispirando una moda. Quando la regina ha posato per un ritratto a grandezza naturale indossando la miniatura su un braccialetto di perle, la moda del giorno ha preso nota e la moda è decollata. Le classi superiori brulicavano per realizzare le proprie miniature e alcuni artisti divennero famosi per questo lavoro. Richard Cosway è stato forse il miniatore più prolifico e di successo, annoverando il Principe di Galles, tra molti altri, come mecenate. Le miniature dei ritratti venivano prodotte in tutta Europa, ma nulla era paragonabile alla popolarità che trovò in Gran Bretagna, specialmente tra il 1769 e il 1830 circa. In breve, era una forma di espressione e decorazione preferita della Regency. La pratica di realizzare ritratti in miniatura iniziò come un modo per i monarchi e altri membri della corte di produrre somiglianze che potevano essere regalate, principalmente per scopi diplomatici. Meno costosi dei ritratti completi e molto più portatili, erano pratici in un'epoca senza fotografia. Ben presto divennero preziosi come oggetti preziosi, tuttavia, e collocati in opulenti incastonature di oro, perle e avorio. Le loro dimensioni variavano da 1 x 1 e un quarto di pollice a 7 x 4 con ogni variazione intermedia. La maggior parte erano ovali, ma c'erano variazioni nella forma e nel modo di essere indossati vicino al corpo. miniature di ritratti Oltre a un braccialetto, ad esempio, le miniature dei ritratti venivano spesso indossate come collana, su un portachiavi o come spilla. Durante la Reggenza, non erano più solo i reali a commissionarli, ma un numero crescente della classe media. Il motivo principale per averne o regalarne uno? Per tenere a cuore i propri cari. Quale modo migliore per ricordare il proprio amore se non sfoggiando le sembianze dell'amato? Le miniature erano particolarmente apprezzate dai marinai che sarebbero rimasti in mare per anni. Pensa solo alle circostanze che circondano il ritratto in miniatura del capitano Benwick in Persuasione! Un'interessante variazione delle miniature dei ritratti era l'occhio dell'amante: un minuscolo ritratto di un occhio intero! Minuscolo e più intimo di un ritratto completo, l'occhio era considerato la finestra dell'anima - quindi avere una somiglianza con gli occhi era un segno di intimità che "superava" la solita miniatura. Inoltre, anche gli amanti segreti potevano scambiarli in sicurezza, poiché l'anonimato era garantito. miniature di ritratti Nel 1786 il principe di Galles (il futuro reggente) pagò cinque ghinee per le miniature degli occhi di se stesso e della signora Fitzherbert, che erano racchiuse in medaglioni d'oro. Più tardi il principe fece realizzare un altro occhio in miniatura e persino uno della bocca, presumibilmente da regalare alla signora Fitz. E prima della sua morte nel 1830, sebbene l'avesse abbandonata in vita, il re insistette per essere sepolto con la miniatura della signora Fitzherbert al collo; in effetti, vicino al suo cuore. Il duca di Wellington, per sicurezza, controllò il cadavere prima della sepoltura. Di sicuro, la miniatura, tempestata di diamanti, era lì. Altri usi per la miniatura del ritratto erano come strumenti per il dolore e il lutto, in cui i defunti sarebbero stati ricordati come erano in vita; o come dichiarazioni di stati emotivi profondi, come la malinconia, in cui il soggetto molto probabilmente poggerebbe la testa su una mano. L'uso sentimentale delle miniature come gettoni d'amore o mezzi di ricordo, tuttavia, è in gran parte ciò che ha stimolato la loro popolarità in passato, proprio come le foto sono molto popolari per tali motivi oggi. La popolarità delle miniature raggiunse il picco intorno al 1830 e poi declinò rapidamente con l'avvento della fotografia. Il calibro delle opere d'arte su di loro non è meno superbo che su opere d'arte più grandi, e oggi sono pezzi da museo e cimeli. Spesso queste piccole opere di sentimento sono l'unica rappresentazione pittorica che abbiamo di personaggi storici, come Tom LeFroy, il primo amore di Jane Austen. Senza Portrait Miniatures sarebbe solo un nome perso nella storia.
Linore Rose Burkard scrive Inspirational Regency Romance e articoli su Regency Life, Homeschooling e Self-Improvement. Pubblica una rivista elettronica mensile "Upon My Word!" (sito web). La signora Burkard si è laureata in letteratura inglese presso la City University di New York con una laurea con lode e Magna Cum e ora vive in Ohio con suo marito e cinque figli.