Ensemble serale di una signora

Questo Evening Ensemble è stato studiato, progettato e costruito da Yvonne Roe, Gloucester.Questo Evening Ensemble e molti altri abiti possono essere visti in mostra al Jane Austen Center, che vanta una bella collezione di abiti da uomo, donna e bambino. La parte principale dell'abito è realizzata con una lunghezza di seta indiana, ripresa in due tonalità di verde, utilizzando i bordi intrecciati come parte del disegno. Il sottoveste è in semplice seta color crema decorato con una treccia di perle e un risvolto. In questo periodo, molti commercianti intraprendenti andarono in India per fare fortuna, inviando in dono scialli e tessuti locali alle loro parenti a casa. Ci sono diversi esempi nelle collezioni di costumi di abiti realizzati con tali articoli, con il taglio dell'abito adattato con cura per sfruttare i bordi, senza dubbio dando ai loro creatori una bella sfida per non sprecare un prezioso pollice. L'abito in mostra è basato su un originale della collezione di Snowshill Manor [NT] e un modello simile è stato indossato dalla signora Weston nell'ultimo adattamento televisivo di Emma, ​​al Crown Inn Ball. Le maniche sono curate nei dettagli, con maniche a tulipano sopra la popolare forma a sbuffo; la fascia della manica è decorata con cordino dorato e treccia di perle. I copricapi per la sera andrebbero da un semplice nastro intorno ai riccioli di chi lo indossa a un elaborato turbante ritorto da lunghezze di seta, decorato con spille, corde e, naturalmente, alcune piume imponenti. La signora più anziana indossava un berretto di prato finissimo, spesso riccamente arricciato e con balze. Abito da mattina, Costumes Parisiens, 1801. Questo semplice abito da mattina è tagliato sul davanti e legato da cordoncini bianchi con nappine che lasciano intravedere provocanti il ​​sottoveste bordato di pizzo. Uno scialle di cashmere a quadretti verdi, rosa e gialli è drappeggiato sulle spalle della signora. Scialli o stole completavano l'insieme serale: spesso, il cashmere indiano era la scelta che in seguito fu copiata dai produttori britannici e durò come una moda fino al 1860. La forma si è evoluta gradualmente da rettangolare a grande quadrato; i tessuti potevano essere lana fine, seta, cotone o una miscela, spesso con bordi intrecciati colorati, di solito nel disegno della pigna del Kashmir, in colori vivaci, che in seguito divenne il motivo che conosciamo come Paisley - [perché quella città divenne il centro di il commercio di tessitura di scialli]. La stola esposta è in pregiata georgette di seta con bordatura in seta verde e frangia dorata. Tutto il cucito era fatto a mano in quel momento e c'erano solo pochi schemi schematici disponibili. Riviste di moda, come La Belle Assemblee, Ackerman's Repository o The Lady's Magazine, mostravano ai lettori desiderosi piatti di moda delle ultime mode a Londra o Parigi, e quelle signore abbastanza fortunate da visitare centri della moda, come Bath, scrivevano lettere a casa con descrizioni dettagliate e schizzi di ciò che indossavano i capi di moda. Queste informazioni sono state poi utilizzate per creare le proprie interpretazioni di "l'ultima cosa" per chi è a casa. Anche i giornali hanno parlato della moda attuale; dal Registratore di Londra, 1806: Gli abiti delle donne erano in generale di mussola bianca, con una leggera mescolanza di lilla e fiori di pesca. I copricapi erano greci o egiziani; le piume di struzzo erano generalmente indossate; nel complesso, il salotto aveva un aspetto molto più brillante del solito. Abito da sera londinese di La Belle Assemblée; Marzo 1808 Persino le gentildonne spesso si creavano i propri abiti e certamente, in famiglie come Bennet's in Pride and Prejudice, le sorelle avrebbero realizzato alcuni dei loro vestiti. In ogni località c'erano sarte, spesso chiamate mantovane, che confezionavano per chi se lo poteva permettere e l'ideale cameriera femminile poteva fare, riparare e alterare i vestiti della sua padrona. Costume ricercato, progettato e costruito da Yvonne Roe, Gloucester. Speciale al Jane Austen Centre, Bath.   Modellini di moda supplementari, con il permesso di Cathy Decker, The Regency Fashion Page. Ti è piaciuto questo articolo? Visita il nostro negozio di articoli da regalo e fuggire nel mondo di Jane Austen per costumi, fantasie e accessori.

Lascia un commento